I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Fase 2, l'assessore Alessandri: "Trasporti, comparto cruciale e delicato. Il territorio? Serviranno misure diversificate"

alessandri mauro4 ilmamilioROMA (attualità) - L'assessore regionale traccia una prima complicata ipotesi di riapertura. "Non sarà né facile, né veloce"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Una fase 2 del coronavirus che si inizia ad immaginare e che presenta già notevoli problemi.

"Ammettiamolo - dice Mauro Alessandri, assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mobilità della Regione Lazio e già sindaco di Monterotondo -: non possiamo ancora immaginare né disegnare il perimetro della cosiddetta fase 2 soprattutto nella materia dei trasporti. Un settore che, come evidente, si interfaccia e di collega a molti altri sistemi lavorativi, scolastici, produttivi".

Difficile insomma, in questo momento, dire come funzioneranno i trasporti pubblici regionali quando, graudalmente, si tenterà il ritorno alla normalità.

"Questo tema è sul tavolo della commissione Infrastrutture e trasporti della conferenza Stato/Regioni: un tema che, com'è ovvio, va coordinato col ministero. Deve necessariamente esserci una regia unica per rimettere in moto i trasporti. Oggi possiamo pensare, ad esempio, ad un trasporto ferroviario che riparta in due successivi step, al 50% e poi al 75% della piena operatività ma le variabili in gioco sono ancora troppe. E le scuole? A settembre? Come, quali orari? I trasporti pubblici dovranno plasmarsi rispetto ad esigenze rinnovate e diverse rispetto al passato. Stabilire un cronoprogramma ora potrebbe essere inutile, attendiamo decreti e sviluppi e poi caleremo le direttive nazionali sul Lazio", dice Alessandri.

E ancora: "Il trasporto su gomma è più complicato per quanto riguarda le misusre di distanziamento ed i dispositivi di protezione individuale del personale viaggiante ma più flessibile del trasporto su ferro. Prendiamo ad esempio la FL1, Orte –Fiumicino: la rimodulazione del servizio ferroviario non può non esere legata al traporto aereo, vediamo come ripartirà. Importante sarà differenziare gli orari di lavoro".

"Per tutto questo però - continua l'assessore - è stato istituito il tavolo di "Lazio Lab", voluto dal presidente Zingaretti e coordinato dal vice presidente Leodori: gli esperti chiamati a farne parte aiuteranno a comprendere gli strumenti da mettere in campo". "Una cosa è certa: quando sarà il momento, tra poche settimane, dobbiamo farci trovare pronti ma dobbiamo sapere che non sarà una fase né semplice né rapidissima".

LEGGI Anche il professor Tiziano Onesti nel super team del dopo-coronavirus "Lazio Lab"

I territori stanno soffrendo, chi più chi meno, i riflessi economici della crisi sanitaria che l'Italia affronta esattamente da due mesi. Era tra il 20 ed il 21 febbraio quando esplodeva l'epidemia a Codogno, in provincia di Lodi.

"Il territorio dal quale provengo, quello della Valle del Tevere e della Valle dell'Aniene, vive momenti molto variegati. L'area delle piattaforme logistiche di Fiano, Passo Corese, Monterotondo è sostanzialmente rimasta operativa nonostante le grandi difficoltà dei lavoratori in termini operativi, logistici e sanitari. E' chiaro che ci sono poi comparti come quelli del commercio e della produzione che stanno risentendo fortemente della crisi e nonostante gli ammortizzatori varati da Governo e Regione ci saranno inevitabilmente strascichi. Questo vale soprattutto per le piccole e medie imprese e per il commercio: non possiamo immaginare una Fase 2 senza vedere già la successiva, senza pensare ad un futuro a medio termine".

"I nostri sono territori con economie molto diversificate che richiedono strumenti diversificati - conclude Mauro Alessandri (Pd) -. Voglio sottolineare il grande lavoro delle Amministrazioni locali, con sindaci sempre in prima linea: hanno affrontato situazioni molto complicate, la Regione è stata vicina a queste realtà locali, ma sindaci, sanitari, protezioni civili hanno compiuto un immenso lavoro. Il nord-est tra Valle Tevere e Valle Aniene, dal quale provengo e che conosco anche da ex amministratore locale, ha avuto sindaci di grande saggezza e operatività: ora bisogna ragionare insieme per avere scelte efficaci. La Regione sarà vicina alle istituzioni locali in questa delicata fase".

comeDonare ilmamilio