I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Coronavirus, sedentarietà e salute

FRASCATI (benessere) - Massima attenzione a un sano equilibrio sia a tavola sia negli stili di vita quotidiani soprattutto in questo periodo

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Facciamo attenzione alla nostra salute anche da casa. Il protrarsi della sedentarietà, se condotta senza regole sane, mette infatti a rischio l'efficienza del nostro sistema immunitario, proprio il più esposto in questa epidemia. Ha sottolinearlo è l'ordinario di Nutrizione Umana e Clinica, direttore Scuola di Specializzazione in Scienza dell' Alimentazione dell'Università "G. d'Annunzio" Chieti - Pescara, Nicolantonio D'Orazio, che rileva anche "una scarsità o assenza di Linee Guida in ambito nutrizionale per la popolazione". L'esperto mette in guardia sui rischi di sviluppare vere e proprie patologie. Da qui il consiglio di dare la massima attenzione a un sano equilibrio sia a tavola sia negli stili di vita quotidiani soprattutto in questo periodo. "Soggiorni prolungati a casa - spiega l'esperto - possono aumentare comportamenti che portano all'inattività fisica e a squilibri alimentari e nutrizionali. Questi contribuiscono alla crescita di stati ansiosi e depressivi, che a loro volta possono creare uno stile di vita sedentario noto nel provocare una serie di condizioni patologiche croniche". Ulteriori squilibri alimentari, di oggi, potrebbero poi tradursi, sottolinea D'Orazio, "in un ulteriore aumento ponderale (sovrappeso fino all'obesità), dislipidemie, diabete, ipertensione, osteoporosi e sindromi ansiose-depressive". Intanto dai dati Ismea emerge che nel carrello della spesa degli italiani gli acquisti per le patatine sono aumentati del 31,3% in un mese rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente con un'impennata anche per le birre (+13,8%), i dolci spalmabili (+57,7%) e la pizza surgelata (+54,3%).

Per quanto riguarda le discipline da praticare svolgono una notevole importanza la meditazione e lo Yoga. Proprio la scienza  yogica viene praticata sempre più spesso da uomini e donne in tutto il mondo. Un’attività più che giusta, visto che oltre il 90 per cento degli studi ha rilevato che questo tipo di esercizi ha un impatto positivo sulla salute. Addirittura i medici Marlynn Wei e James E. Groves hanno proposto degli esercizi di respirazione e meditazione attraverso il libro “La guida allo Yoga dell’Harvard Medical School: “Le posizioni fanno aumentare la flessibilità, l’equilibrio e la forza, ma producono anche molti altri effetti che rendono lo yoga una disciplina unica e molto diversa dalle altre attività fisiche”. Importante e fondamentale, ovviamente l’attività e l’attenzione verso i più piccoli in questo delicato momento.  No a full immersion di televisione, sì a sport in casa, coinvolgere i bambini nelle attività domestiche e dare spazio agli hobby. Senza dimenticare anche il tempo per il racconto. Sono alcuni dei suggerimenti indicati dalla Società italiana di Pediatria (Sip) per affrontare meglio il periodo di distanziamento sociale, pubblicati sul sito web nell'approfondimento dal titolo "Stiamo a casa: Coronavirus e bambini, 10 consigli per la famiglia".
ROUTINE: Organizzare la giornata secondo uno schema preciso, dal risveglio fino all'ora di andare a dormire, nel rispetto di quelli che erano gli orari pre-coronavirus.
TV: Evitare di tenere sempre accesa la televisione, ma selezionare, ogni giorno, cosa vedere evitando un eccesso di informazioni sul coronavirus.
ATTIVITA' ALL'APERTO: Se si dispone di spazi all'aperto, come terrazze, giardini e cortili, programmare un'ora al giorno di attività libera, nel rispetto del distanziamento sociale.
RESPONSABILITA': Coinvolgere i bambini, in rapporto all'età, nelle attività domestiche.
HOBBY: Coltivare passioni, come musica e arte, o iniziare a collezionare qualcosa.
CUCINA: Approfittare del tempo insieme per insegnare a cucinare e a mangiare in modo sano (quali e quanti alimenti). RIORDINARE: Farsi aiutare a sistemare la spesa, spiegando cosa si è acquistato, come e dove va riposto.
IGIENE: Coltivare l'igiene personale in autonomia, dal lavaggio di mani a quello dei denti, e l'igiene dell'ambiente.
SPORT: Insegnare a fare attività motoria in casa, almeno un'ora al giorno e, se possibile, a finestra aperta.