I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monte Compatri, D'Acuti: "Nuovo polo didattico si farà. 2,8 milioni per edilizia scolastica"

MONTE COMPATRI (attualità) - Entro un anno l'iter burocratico

ilmamilio.it

Il nuovo polo scolastico del Comune Di Monte Compatri si farà. Dopo l’amarezza e la rabbia per la revoca dei fondi, da parte della Regione Lazio, per il primo progetto che il gruppo di Nuovi Orizzonti per Monte Compatri aveva approvato, giovedì 2 aprile la notizia: la direzione regionale per le infrastrutture ci ha comunicato che riceveremo dal ministero dell’Università e della ricerca 2,8 milioni di euro per l’edilizia scolastica. Lo ha reso noto il sindaco D'Acuti.

A ciò, si aggiungeranno 800.000 euro del cosiddetto conto energia e circa 1.700.000 di fondi comunali, da finanziare con mutuo, per un totale di 5,3 milioni di euro. Rispetto al primo progetto ci saranno delle modifiche. "Partiremo dal plesso della secondaria di primo grado, la media, per iniziare a realizzare il polo integrato, con il piano seminterrato dedicato a parcheggi", afferma il sindaco.

Il progetto prevede la realizzazione di 4 sezioni per un totale di 12 classi che ospiteranno 300 alunni. Oltre alle auto per le attività didattiche, quelle speciali e musicali (laboratori), anche un centro cottura e un refettorio organizzato su doppio turno.

Verrà realizzato anche il parcheggio interrato a servizio della struttura e dei cittadini che abitano nella zona dell’intervento, in via Fontana delle Cannettacce.

L’edificio sarà su tre piani, protetto dall’irraggiamento solare diretto, le strutture portanti saranno in cemento armato e la struttura sarà a consumo energetico zero.

Questo l’iter burocratico-amministrativo: approvazione in giunta del nuovo preliminare, relazione geologica; mandato per la realizzazione del progetto esecutivo e definitivo; procedure di gara e affidamento; approvazione del progetto definitivo, con variante, in Consiglio comunale; elaborazione del progetto esecutivo; stesura del bando di gara e pubblicazione degli atti.

Entro 12 mesi termineremo questa fase per procedere con i lavori.