I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Proposte in materia economica del Partito Democratico di Ciampino per fronteggiare l’emergenza covid-19

CIAMPINO (politica) - I "Dem" danno la loro ricetta per contrastare l'emergenza sanitaria ed economica 

ilmamilio.it - nota stampa

Dal Partito Democratico di Ciampino riceviamo e pubblichiamo.

“Stiamo affrontando quella che, indubbiamente, è la più grande emergenza sanitaria e crisi socio economica della Repubblica dal dopoguerra ad oggi, ed una simile situazione va affrontata con lucidità e con l’aiuto di  TUTTI.

Con lo stesso spirito di collaborazione già dichiarato nell'interesse dei nostri concittadini e della nostra città, apprezzando il primo provvedimento della Giunta Comunale di differire i pagamenti della TARI al mese di Dicembre 2020, come Partito Democratico di Ciampino crediamo che si possa fare di più, considerando il fatto che alla fine di questa brutta esperienza le difficoltà economiche delle famiglie, degli artigiani, delle piccole imprese, dei commercianti, saranno enormi.

Al riguardo, abbiamo pensato ad un pacchetto di proposte per far fronte nell’immediato all’emergenza, compatibilmente con i margini di manovra consentiti e con le risorse finanziarie del Comune da aggiungersi a quelle arrivate sia dal Governo Nazionale che dalla Regione Lazio:

  • Utilizzo immediato dei fondi per l’emergenza Covid-19,nel numero di 378.143,12€,al fine di fronteggiare allo stesso tempo sia la necessità di approvvigionamento alimentare di tutte le famiglie Ciampinesi in difficoltà e di tutti coloro che fanno parte delle fasce più disagiate della popolazione;
  • cancellazione del pagamento delle rette dei nidi comunali per il periodo di durata dell’emergenza in cui non si usufruirà del servizio;
  • Sospensione di tutte le attività di accertamento e recupero coattivo di crediti e tributi non pagati fino a tutto il mese di Settembre;

.sospensione di tutte le attività di accertamento e recupero coattivo di crediti e tributi non pagati per tutte le attività commerciali Ciampinesi per tutta l’annualità 2020;

  • sospensione del pagamento del servizio di refezione scolastica e del servizio ScuolaBus, per i periodi in cui il servizio non sarà usufruito dai bambini;
  • stanziamento di un fondo da destinare come sostegno alle già dette categorie;
  • Proposta di riduzione dei tributi della TOSAP e della TARI per tutte le attività commerciali e artigianali che hanno subito la chiusura forzata per l’emergenza sanitaria Covid-19 e quindi nello specifico proponiamo di ridurre la TARI e la TOSAP per l’equivalente dei giorni di chiusura forzata.( es. pago 1200€ anno, sto chiuso 2 mesi pago 1000€).
  • sospensione del pagamento per la sosta sui parcheggi blu fino a fine Giugno;
  • sospensione dei canoni di affitto delle strutture comunali da parte delle associazioni sportive e culturali e che operano nel mondo del sociale al fianco dei più deboli,per il periodo in cui non ne hanno usufruito e riduzione del canone per i successivi mesi del 2020;
  • monitorare le strutture di accoglienza per anziani presenti sul nostro territorio relativamente al contagio covid 19;
  • tramite l’anagrafe individuare tutti i nostri concittadini di età oltre i 75 anni, per contattarli direttamente per capire se hanno bisogno di ausilio durante questa emergenza sanitaria, perché a volte hanno remora a chiedere aiuto;
  • confronto tra l’Amministrazione e le realtà produttive e commerciali della Città per valutare unitariamente quali siano gli interventi più incisivi;
  • Istituzione di un fondo di garanzia nel bilancio, da offrire agli istituti di credito, per quanti delle categorie produttive (artigiani, commercianti, autonomi e partite IVA) vorranno accendere prestiti/mutui;
  • Reperire risorse Comunali, oltre a quelle stanziate dal Governo e dalla Regione Lazio, per l’erogazione di buoni spesa alle famiglie in difficoltà;

Vogliamo metterci a disposizione con spirito di collaborazione, consapevoli che questa emergenza vada affrontata con senso di responsabilità e coesione sociale, e contemporaneamente alle misure per affrontare nell’immediato l’emergenza sanitaria, occorre iniziare a pensare e programmare quello che sarà del nostro paese post Covid-19.

Il nostro tessuto economico e sociale rischia di uscirne letteralmente devastato, l’economia del nostro paese è fatta soprattutto da piccole e medie imprese e tantissime attività commerciali e il rilancio di Ciampino e dei suoi abitanti deve necessariamente passare attraverso misure straordinarie ed eccezionali rivolte sia alle realtà sociali che a quelle economiche che insistono nel nostro territorio, occorre creare nuove occasioni di sviluppo, gli interessi dei cittadini,dei commercianti,delle imprese e delle istituzioni dovranno camminare di pari passo per uscirne tutti insieme.

Questa nostra lettera vuole essere una prima base di confronto, aperta al contributo di tutti, quindi come Partito Democratico di Ciampino chiediamo all’Amministrazione Comunale di aprire un tavolo permanente di crisi per gestire sia nell’immediato l’emergenza ma soprattutto per il post emergenza, sia sotto il profilo sociale che economico, non solo con le opposizioni ma che coinvolga tutte le parti sociali, economiche, il terzo settore, gli imprenditori le associazioni di categoria e tutte quelle attive nel mondo del sociale e dello sport coinvolgendo quindi tutti gli altri soggetti interessati”.