I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Castel Gandolfo, Bavaro: “Chi brinda per vincolo di inedificabilità spieghi come portare i servizi a Pavona”

CASTEL GANDOLFO (politica) - La posizione del numero due del sindaco Milvia Monachesi

ilmamilio.it - nota stampa

Dal vicesindaco di Castel Gandolfo con delega all’Urbanistica, Cristiano Bavaro, riceviamo e pubblichiamo.

“La Soprintendenza ha respinto l'osservazione presentata dall'amministrazione di Castel Gandolfo e con essa il 90% delle osservazioni presentate dai nostri concittadini che chiedevano semplicemente di modificare il perimetro del nuovo vincolo che riguarda prevalentemente Pavona e Santa Fumia, per non vanificare quanto stabilito dal nuovo Piano Regolatore e dare a Pavona ed ai suoi concittadini le tanto agognate infrastrutture che ormai attendono da più di 20 anni

"Qualcuno" nell'opposizione vorrebbe politicamente intestarsi tutto ciò come fosse una vittoria per sé stesso e una bocciatura per l'amministrazione Monachesi! Si accomodi pure! Considerando soprattutto che questo "qualcuno" è lo stesso che ha contribuito alla formazione ed all'adozione del nuovo Piano Regolatore che oggi il vincolo apposto dalla Soprintendenza ha totalmente sterilizzato! Gli faccio le mie più sincere congratulazioni per la coerenza ma soprattutto per aver preso in giro i suoi concittadini per più di 10 anni! Ora certo questo "qualcuno" dell'opposizione che oggi brinda alla decisione della Soprintendenza, spiegherà ai suoi concittadini di Pavona come intende dotare la stessa delle strade, piazze, parcheggi, scuole, nuove abitazioni ecc. ecc. che attende da più di 20 anni e che questo vincolo di INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA rende IMPOSSIBILE da realizzare! Di certo non se la potrà cavare nascondendosi dietro vuoti slogan e ci proporrà soluzioni concrete per il bene della comunità di cui anche egli, seppure dai banchi dell'opposizione, ne è amministratore!

L'amministrazione sta studiando attentamente le motivazioni che hanno portato la Soprintendenza a respingere la propria osservazione e valuterà, conseguentemente, tutte le eventuali azioni da intraprendere a tutela dei prevalenti interessi della propria comunità”.