I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Genzano, muro contro muro tra dipendenti comunali e sindaco. "Chieda scusa o scioperiamo". Lorenzon: "Dialogo ma no a strumentalizzazioni"

assemblea dipendentiGENZANO (politica) - Dopo le durissime accuse di "parentopoli" che il primo cittadino ha lanciato dal palco 5 stelle di Rimini, le parti restano lontanissime. "Vogliamo un incontro davanti al prefetto di Roma"

ilmamilio.it

cioli2Clicca sull'immagine: 100 anni porchetta Cioli

E' ancora muro contro muro tra i dipendenti del Comune di Genzano, pesantemente attaccati dal sindaco Daniele Lorenzon nel corso del suo ormai famosissimo intervento sul palco 5 stelle di Rimini, e l'Amministrazione comunale.

Un intervento ritenuto a gamba tesa, gratuito e diffamatorio che ha provocato le sentite rimostranze delle opposizioni consiliari ed extraconsiliari (LEGGI l'articolo del 27 settembre). Un caso, quello del "discorso dell'odio" che tiene banco da giorni.

ahsi mamilio

Un paio di giorni fa i dipendenti si sono riuniti in assemlblea. "Non c'è nessuna parentopoli caro sindaco. Siamo i discendenti dei martiri della Resistenza e delle Fosse Ardeatine. Portiamo i cognomi delle persone che hanno fatto la storia di Genzano e dell'Italia. Sindaco, hai offeso non solo la nostra dignità ma la storia dell'intera città", è stato detto in quella occasione.

Un'assemblea conclusa con la concreta minaccia di scioperi dei dipendenti comunali e addirittura denunce per diffamazione. Un incontro al quale hanno preso parte la quasi totalità dei dipendenti comunali, che sono 123. Un incontro nel quale sono state pronunciate parole durissime contro il primo cittadino, colpevole secondo i dipendenti di aver dileggiato ed offeso. "Chiederemo un incontro col prefetto di Roma per tentare la riconcigliazione: in ogni caso vogliamo le scuse del sindaco".

       Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Scuse che non sono arrivate per niente. Anzi, in un lungo intervento, che si riporta in seguito, il sindaco si è detto sensibile al dialogo ed alle istanze dei dipendenti respingendo ogni strumentalizzazione.

Siamo dunque ad un muro contro muro.

"In questo primo anno di mandato abbiamo lavorato con un unico obiettivo: fare il bene di Genzano e dei suoi cittadini. E vogliamo continuare a farlo concentrando tutte le nostre migliori energie", ha detto il sindaco Lorenzon nel Consiglio comunale di ieri. Quindi il primo cittadino è passato a riepilogare quanto fatto in questo anno di Amministrazione.

"Ci siamo rimboccati le maniche e con grande senso di responsabilità abbiamo approvato un’importante variazione di bilancio, pari a circa un milione di euro (pari a 951.030,08 euro).

Governare significa prendere decisioni difficili e questo passaggio è stato doloroso, ma necessario per ripartire da basi più concrete e solide. Il mio operato non si rivolge a una parte politica piuttosto che ad un’altra: si rivolge a tutti i cittadini, si basa su una maggioranza e rispetta le opposizioni.

Vogliamo affrontare le sfide del nostro presente, guardando con fiducia al futuro ma facendo tesoro della memoria del passato. Siamo figli della nostra storia, passata e presente: la storia della nostra comunità, la nostra memoria, le nostre radici, il passato recente non si possono cancellare. Non si può cancellare quello che fino ad ora è stato il quadro della vita politica del nostro paese. Sarebbe come rinnegare tutta la strada, a volte sterrata, a volte decorata da fiori, a volte rovinata da buche, una strada di dossi e curve, in salita e in discesa, che fino ad ora questo paese ha percorso. Andare avanti sì, ma dimenticare mai. Da oggi preferiamo tornare a parlare di altro: non più di opposte fazioni o di percentuali di vittoria, ma di progetti, di idee, di efficienza e di maggiore controllo su tanti aspetti del nostro paese. Far rinascere Genzano ha bisogno di un percorso di risanamento: obiettivi chiari e precisi, partendo da un nuovo modo di fare politica, che deve tornare ad essere una missione al servizio dei cittadini, rinunciando ai personalismi per rafforzare il gruppo, garantendo una trasparenza negli intenti e nelle azioni.

È nostra intenzione procedere con azioni di responsabilità. Negli ultimi sei mesi abbiamo posto l’attenzione su alcune voci di bilancio che hanno causato perdite negli anni trascorsi. La mancata riscossione per il servizio mensa degli anni dal 2007 al 2011 è costata al Comune oltre 763mila euro. Una somma ingente, figlia di uno scarso, se non assente, controllo gestionale precedente. Questi crediti purtroppo sono andati prescritti e non sono più recuperabili. Era nostro dovere depositare un esposto alla Corte dei Conti chiedendo alla Procura di procedere con le opportune verifiche.

Un’altra voce che ha dovuto subire un taglio è il servizio scuolabus, erogato nel corso degli anni a favore di un numero di utenti inferiore a quello ipotizzato. Abbiamo richiesto una riduzione importante all’azienda, che ha compreso il momento di grande difficoltà in cui ci troviamo e sta lavorando al nostro fianco affinché possa esserci per il Comune e tutta la collettività, un risparmio importante.

Stiamo ultimando la riorganizzazione del personale in un'ottica di ottimizzazione delle risorse presenti. Abbiamo diminuito le posizioni organizzative garantendo però la loro presenza in tutti i reparti. Abbiamo rimodulato gli orari di apertura degli uffici comunali, che entreranno ufficialmente in vigore lunedì prossimo, per rispondere sia alle esigenze di funzionalità dell’ente, sia a quelle dell’utenza.

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

Dobbiamo recuperare il coraggio e portare avanti i nostri progetti accompagnandoli da una concretezza puntuale. Ed è indubbio che tali progetti vadano avanti solo grazie al prezioso lavoro che gli uffici svolgono quotidianamente.

Da parte mia c'è la massima disponibilità alle istanze presentate dai lavoratori. Ma non sono disposto ad accettare strumentalizzazioni ideologiche e politiche.

Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità: vogliamo organizzare il lavoro con un calendario preciso da rispettare che deve riportare tempistiche, modalità e compiti ben precisi da assolvere per ogni soggetto coinvolto. Tutto quello che chiediamo è di lavorare nel pieno rispetto delle regole. Credo che il confronto e la partecipazione siano fondamentali per portare avanti questo nostro progetto: solo con la concertazione e la condivisione è possibile gestire questa complessa fase di passaggio che stiamo affrontando. È per questo motivo sto incontrando i dipendenti uno per uno già, per meglio comprendere le loro esigenze e tradurle per quanto possibile in azioni concrete che consentano loro di lavorare con serenità.

Auspico un dialogo sincero e diretto che permetta ad entrambe le parti di esporre le proprie motivazioni, perché sono convinto che tutte convergano verso un interesse comune che è quello della nostra collettività e della nostra cittadina. La consapevolezza che ci aspettava un compito difficilissimo era nota, ma è nostra intenzione continuare a lavorare giorno dopo giorno".