I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

I danni della pandemia, Confesercenti: persi 18 miliardi di ricavi

Coronavirus, posso uscire per fare la spesa? Cosa devo fare per ...ROMA (cronaca) - Il grido di allarme della categoria

ilmamilio.it

Confesercenti lancia l'allarme sui ricavi delle imprese italiane che  "sono ormai senza liquidità: il lockdown disposto per contenere i contagi ha portato ad una caduta insostenibile dei ricavi, con una perdita quantificabile in circa 18 miliardi di euro, di cui 11,5 miliardi a carico delle imprese del commercio, del turismo e della ristorazione". Secondo l'associazione dei commercianti "per arginare questo shock è necessario agire sulla leva del credito, ma i meccanismi di agevolazione ai prestiti messi in campo dal ‘Cura Italia’ non stanno funzionando".

Insieme alla caduta verticale dei ricavi l'Associazione che rappresenta 350 mila imprese italiane chiede soluzioni concrete. “Purtroppo, nonostante il ‘Cura Italia’ abbia messo a disposizione misure per favorire l'accesso ai prestiti, troppe imprese non riescono ad ottenere risposte positive dagli istituti di credito”, commenta la presidente di Confesercenti Patrizia De Luise in una nota. “E anche le banche disponibili si stanno scontrando con un eccesso di burocrazia che, di fatto, impedisce loro di utilizzare gli strumenti messi a disposizione con il decreto". 

"Chiediamo all'Abi un impegno per sbloccare la situazione. Al governo chiediamo invece di garantire l'attuazione delle misure adottate, ma anche di trovare ulteriori soluzioni per facilitare e velocizzare l'accesso alla liquidità delle imprese. A partire dalle garanzie: è urgente sbloccare subito la piena potenzialità del fondo centrale, superando i limiti imposti dal regolamento europeo 'de minimis' sugli aiuti di Stato", aggiunge.

GIERREauto 0220