Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Incendi, la preoccupazione di Saporito (Usb Vigili del Fuoco)

ROMA - Un incremento del 400%, ma c'è dell'altro...

ilmamilio.it

Anche il Lazio è sotto la morsa degli incendi tanto da far scattare la reazione di Zingaretti, presidente della regione Lazio, che ha mandato una lettera ai prefetti laziali preoccupato per gli incendi boschivi che a suo dire sono aumentati del 400%. Il dato è veramente preoccupante se poi lo si confronta con una realtà del soccorso tecnico urgente che dimostra la sua pessima condizione dopo la riforma della Madia. Se prendiamo ad esempio, la convenzione AIB 2017 stipulata tra la REGIONE LAZIO ed il CNVVF e se consideriamo che la Direzione Regionale Lazio prevede nel periodo di alta pericolosità che va dal primo luglio al 30 di settembre che preoccupa a quanto pare il dipartimento dei vigili del fuoco che si ritrova con una disponibilità di impiego di DOS secondo dei numeri veramente sconfortanti se vengono confrontati con la forza messa a disposizione nella precedente convenzione anno 2016 stipulata con il CFS. Confrontando i DOS VVF dell’anno 2017 con il numero dei DOS CFS nell’anno 2016 si ha che a Latina sono 4 su 25 a Frosinone 3 su 25 a Roma 5 su 20 a Rieti 1 su 15 a Viterbo 1 su 15 arrivando ad totale di 14 operatori del 2017 contro i 100 del 2016. Ma abbiamo ancora dubbi sul fatto che la salvaguardia non interessa a questo governo? Forse sarebbe il caso che Minniti e la Pinotti cominciassero a dare spiegazioni su cosa vogliono fare di questo Paese che continua a bruciare”.

Lo dichiara Costantino Saporito, coordinatore nazionale del sindacato Usb dei Vigili del Fuoco in una nota.