I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

STORIE - Villa Mondragone e quel febbraio 1582 che ci consegnò il calendario per come oggi lo conosciamo

villaMondragone stampa frascati ilmamilioMONTE PORZIO CATONE (storie) - Una delle più sontuose ed importanti ville tuscolane: lì papa Gregorio XIII nel 1582 promulgò la sua "Inter gravissimas"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Villa Mondragone è una delle dodici ville Tuscolane, una collana di perle architettoniche, realizzata dalla nobiltà papale tra il XVI e il XVII secolo. Villa Mondragone si trova all’interno del Comune di Monte Porzio Catone e l’edificio dal 1981 è sede del centro congressi dell’Università degli studi di Roma Tor vergata. Dunque il sito del patrimonio culturale dei papi è poi diventato un tesoro laico, del quale oggi, studenti, ricercatori e docenti possono disporre per incontrarsi e scambiare le loro analisi. Durante il secondo conflitto mondiale fu anche usata per ospitare gli sfollati in fuga dalla Frascati bombardata.

La costruzione della villa inizia nel 1567 grazie al cardinale austriaco Marco Sittico Altemps. I lavori termineranno nel 1573. Il nome della villa deriva dallo stemma araldico del pontefice Gregorio XIII, il drago, perciò il suo nome è Mon-dragon-e.

GIERREauto 0220

L'araldica è infatti il mondo grafico e filosofico degli stemmi, elementi che simboleggiano e accomunano una stirpe, una famiglia, un'istituzione. Spesso figure mitiche, elementi naturali animali e floreali, emblemi di forze e qualità come quella del drago.

Papa Gregorio XIII nel 1582 promulgò da questa splendida residenza la bolla papale Inter Gravissimas che consegnò alla Storia il calendario che oggi utilizziamo: il calendario Gregoriano.

Papa Gregorio XIII, nato Ugo Boncompagni, fu uno dei pontefici più influenti dell’età moderna.

La bolla fu emanata il giorno 24 febbraio 1582, data della fine del calendario giuliano con coincidente inizio del calendario gregoriano, dunque proprio pochissimi giorni fa.

Proprio per questo negli anni scorsi Monte Porzio Catone, sul cui territorio oggi ricade Villa Mondragone, si è fregiata del titolo di "Città del calendario".

LEGGI Monte Porzio Catone è diventata ufficialmente la città del calendario gregoriano

In questo mese festeggiamo la ricorrenza del nostro calendario che scandisce, anni mesi e giorni della nostra vita, di tutto ciò che ci accade, dei nostri appuntamenti e delle nostre commemorazioni, compleanni e celebrazioni.

Per modificare il calendario Gregoriano si utilizzarono le scoperte scientifiche dell'astronomo Niccolò Copernico contenute nella sua opera “Sei libri sulle rivoluzioni delle sfere celesti”. Il calendario Giuliano, in vigore fino a quel momento, era stato promulgato dal dittatore romano Giulio cesare, da cui infatti prende il nome, ed elaborato nell'antica cultura egizia dall'astronomo Sosigene. Quante conoscenze orbitano attorno a questa villa: lo studio degli astri, il calendario che rende possibile la nostra vita sociale, economica, la nostra memoria storica. Villa Mondragone è sempre stata un luogo di sapere e conoscenza in connessione con le stelle.