I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Castel Gandolfo: defenestrazione Camerini, tutta la verità de "La Pesca"

laPesca castelgandolfo ilmamilioCASTEL GANDOLFO (politica) - La lista dell'ex assessore replica alla sindaca Monachesi

ilmamilio.it - nota stampa

Dalla lista "La pesca" riceviamo e pubblichiamo.

"Il 21 febbraio 2020 la sindaca Monachesi ha revocato la delega di assessore all’interno dell’Amministrazione Comunale di Castel Gandoflo al rappresentante del gruppo “La Pesca – Tradizione e Progresso” (Bruno Camerini, ndr).

Questi in sintesi i motivi da lei esposti:

“ ….. devo purtroppo prendere atto che è venuta sempre più a mancare da parte del gruppo della Pesca la condivisione delle scelte della maggioranza …….
Si sono scelte strade diverse sia sul territorio che in Consiglio comunale dove in più occasioni si e' deciso di distinguersi dalle scelte concordate.

Pertanto , in considerazione delle importanti decisioni riguardanti la vita del paese e della necessaria condivisione di vedute, per garantire la continuità amministrativa ho dovuto mio malgrado avocare a me la delega assessorile attribuita al consigliere del Gruppo della Pesca Bruno Camerini”.

LEGGI Castel Gandolfo, sindaco Monachesi: "Tolta delega all'assessore Camerini"

GIERREauto 0220

La verità è un’altra perché in questi due anni Bruno Camerini non ha mai espresso voto contrario nelle riunioni di Giunta, anche se a volte sarebbe stato necessario, altresì in questi due anni Bruno Camerini non ha mai espresso voto contrario alla maggioranza neppure nel Consiglio Comunale, anche se a volte sarebbe stato necessario.  A questo punto ci chiediamo “a cosa si riferisce la Sindaca Monachesi?”

Forse il rappresentante del gruppo “La Pesca – Tradizione e Progresso” avrebbe rappresentato in qualche modo un intralcio per l’Amministrazione per i prossimi due anni? Forse l’Amministrazione ha in programma delle attività che il nostro rappresentante avrebbe osteggiato e comunque portato a conoscenza dei cittadini?

“La Pesca – Tradizione e Progresso” ha sempre sostenuto un’Amministrazione trasparente dove i cittadini chiedono la soluzione dei loro problemi, piccoli o grandi, e di non assistere ai centri di gestione del potere con l’occupazione a macchia d’olio di quanti più spazi possibili.

I Castellani vogliono un’amministrazione efficiente, efficace, presente e disponibile, vogliono un Sindaco di tutti senza preclusioni per chi la pensa diversamente, vogliono una Giunta capace, con uomini capaci, aperti alle istanze legittime, da qualunque parte provengano".