I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Marino, il Consiglio straordinario e quella convergenza Pd - Mcd

MARINO (politica) - Novità in vista...

ilmamilio.it 

cioli2Clicca sull'immagine: 100 anni porchetta Cioli

Il consiglio comunale straordinario richiesto da centrosinistra più Movimento Civiltà Democratica, ha rimescolato le carte in tavola in seno all’opposizione, andando di fatto ad ufficializzare movimenti che comunque erano nell’aria da mesi. A destare stupore, ma non troppo, è in particolare la convergenza di MCD a sinistra. “Santa alleanza” tentata già in occasione delle elezioni amministrative del 2016, poi naufragata a seguito del commissariamento del circolo Pd marinese, finito nelle mani di Fausto Bassani. Se da un lato, dunque, lo schieramento delineato sembrerebbe essere Eleonora Di Giulio, Enrico Iozzi, Franca Silvani, Gianfranco Venanzoni e Pamela Ermo dall’altra ancora non vi è una chiarezza così netta.

A destra, infatti, il panorama continua ad essere frastagliato, nonostante l’ordine messo da Stefano Cecchi che continua, comunque, a mantenere una posizione di leadership e un ruolo di guida come dimostrano anche le numerose iniziative messe in atto sul territorio. Continuerebbe, tuttavia, a non esservi piena convergenza  fra il blocco rappresentato proprio da Stefano Cecchi, Cinzia Lapunzina, Remo Pisani e la destra di Sabrina Minucci. Le elezioni amministrative sono ancora molto lontane, ma il lavoro sotterraneo delle minoranze alternative al Movimento 5 Stelle comincia a farsi sempre più attivo. 

Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura