I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Evento delle foibe Frascati: la riflessione di una cittadina dei castelli, dirigente scolastico

FRASCATI (attualità) - La preside difende l'iniziativa

ilmamilio.it

Riceviamo e pubblichiamo.

"Trovo che l’iniziativa promossa dall’Istituto comprensivo Frascati, via Don Bosco, sia una iniziativa lodevole e mi permetto di sottolinearlo come cittadina, rammaricandomi di non averla organizzata come dirigente scolastica per il mio istituto.

Chi pensa sia una iniziativa politicizzata o strumentalizzata non ha compreso sino in fondo uno dei compiti essenziali della scuola, mandato ribadito dalle circolari che diffondono la legge 92/2004, che è quello di insegnare il rispetto dei diritti per costruire la coesione sociale.

LEGGI Frascati - Evento per le foibe, la protesta di un genitore dell'IC Frascati. "Politicizzato ed inadatto ai ragazzi"

GIERREauto 0220

Questo obiettivo non può essere raggiunto senza conoscenza e senza consapevolezza critica e ragionata di eventi troppo spesso nascosti nelle pieghe della storia. Ecco perché appare ancora più importante se, in questo momento di riflessione critica e di costruzione di conoscenza e consapevolezza delle nuove generazioni, siano presenti cariche istituzionali che rappresentano lo Stato e non un partito e voci autorevoli di correnti contrarie, unite nella condanna alla violenza, nel ricordo per non ripetere più, nel rispetto di vittime dell’umanità, morte per mano di una follia che è deprecabile sia che sia di destra, di sinistra o di qualsivoglia ideologia. Il messaggio che la scuola vuole far passare è quello di un’unità nella condanna e nell’importanza del ricordo.

Riccarda Garra".

Commenti   

-1 #2 genitore frascati 2020-02-15 12:43
Gentile signora Garra, purtroppo l'evento è fortemente politicizzato in quanto i relatori sono tutti appartenenti al partito "Fratelli d'Italia", tra l'altro lo stesso evento è già stato fortemente criticato nel comune di Narni. E sottolineo che a Narni non era rivolto ad un pubblico di studenti di scuola media inferiore. Le allego il link.
https://tuttoggi.info/terni-libro-sulle-foibe-sponsorizzato-casapound-presentato-con-il-patrocinio-del-comune/501162/
Citazione
-4 #1 stella 2020-02-15 10:39
Egregi tutti, egregia dirigente scolastica,

su quale libro da voi adottato è scritto che l'Italia invase i Balcani il 6 aprile del 1941 e, insieme ai nazisti, contribuì ad uccidere 1 milione di slavi, deportandone 100.000 in vari campi tra i quali 4.000 ad Alatri (Frosinone, campo "Le fraschette"). Dove è scritto che dopo l'8 settembre 40.000 italiani su 300.000 mandati a sterminare gli slavi si unirono con ben 2 divisioni all'EPLJ e, di questi, 20.000 perirono in battaglia contro fascisti e nazisti ? La verità nascosta è questa.
L'Italia voleva l'impero e tutte le nefaste conseguenze, compresi i bombardamenti alleati, sono frutto di quelle vergognose scelte politiche.
Citazione