I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino, Boccali: “Convegno Foibe, da sinistra polemiche sterili e superate”

Risultato immagini per ciampino boccaliCiampino (politica) - Il vicesindaco difende l'iniziativa e rilancia

ilmamilio.it - nota stampa

Riceviamo e pubblichiamo:

Dopo le recenti polemiche sul prossimo convegno organizzato a Ciampino riguardante il ricordo delle foibe, è Ivan Boccali, Vicesindaco della città, a replicare alle critiche e rilanciare la valenza dell’iniziativa di carattere storico.

GIERREauto 0220

“C’è una parte di sinistra - afferma la nota - oscurantista e negazionista, che evidentemente persiste in polemiche sterili. Il convegno organizzato dal Comune avrà esclusivo carattere storico e di divulgazione. Ci sarà una mostra, la proiezione di un film, una conferenza con un professore con moltissime pubblicazioni e riconoscimenti all’estero. Si parlerà solo di Foibe, nient’altro. Quello che si è messo in piedi, con un tentativo piuttosto goffo, è un carrozzone di parole di basso livello.

Non avendo più contenuti, c’è tutto un ambiente che prova ad aggregarsi su battaglie di retroguardia che nel 2020 appaiono fuori luogo. Hanno abbandonato completamente l'impegno sociale, così preferiscono fare questo tipo di attacchi. Invece di chiedersi come mai sono stati sconfitti dalla nostra coalizione così nettamente provano attacchi alla disperata per cercare visibilità. Invito dunque la cittadinanza alla nostra iniziativa che parlerà di un dramma tenuto all’oscuro volutamente per mezzo secolo e oggi, finalmente, materia di dibattito e di confronto, così come sta accadendo in altre realtà della provincia di Roma con spunti di condivisione trasversale e senza queste inutili discussioni.

Credo infine che qualcuno si debba anche vergognare - conclude - per aver strumentalizzato una tragedia come quella delle Foibe per ritirare fuori vecchie logiche di scontro che non ci appartengono più”.