I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

FOTO - Protezione Civile Coordinamento Coreir: l'apprezzamento della Regione Lazio ai Volontari

CASTEL GANDOLFO (cronaca)  - Presenti molti Gruppi dell'area Tuscolana: Velletri, Rocca di Papa, Rocca Priora, Zagarolo, Frascati, San Cesareo,  Colle di Fuori, Valmontone, Palestrina, Castel San Pietro, Montecompatri, Cave e altri comuni dei Monti Prenestini

ilmamilio.it

Si è svolta sabato sera, nella elegante cornice del ristorante 'La Perla' di Castel Gandolfo, l’evento d’inaugurazione del nuovo anno di Protezione civile del coordinamento COREIR. Alla manifestazione hanno preso parte 400 rappresentati delle organizzazioni aderenti che si sono riuniti in un clima conviviale.

Affrontate con le istituzioni presenti le tematiche di gestione del sistema e le strategie future di sviluppo condivise con l’Agenzia Regionale di Protezione Civile e con l'assessorato diretto da Massimiliano Valeriani. Il presidente del COREIR, Massimiliano Giorgi, ha sottolineato nel suo intervento gli importanti obiettivi raggiunti: “Siamo il primo Coordinamento della Regione Lazio, è ciò è stato possibile grazie al lavoro ed all’impegno dimostrato da tutti. Continuiamo con forza e passione chiedendo maggiore attenzione delle istituzioni e l’impegno ad un’allentamento della morsa burocratica che affligge le organizzazioni ".

Il Direttore dell’Agenzia Regionale Protezione Civile, Carmelo Tulumello, ha ricordato il duro lavoro che tutti i volontari svolgono quotidianamente ed ha rappresentato le novità introdotte dal Nuovo Regolamento Regionale. L’Assessore della Giunta Regionale all'ambiente e protezione civile Massimiliano Valeriani, anche lui presente in sala, ha ricordato l’attenzione dell’amministrazione regionale verso il mondo del volontariato, che con la legge regionale 2/2014 ha cambiato il modo di gestire la protezione civile ponendo al centro la trasparenza e la valorizzazione delle associazioni.

Al termine c'è stata la presentazione della Cronistoria delle emergenze trattate finora dai volontari: Sisma Abruzzo - L’Aquila Sisma Emilia Romagna Alluvione Montalto di Castro Alluvione Ostia Alluvione Benevento Campagne Antincendio Boschivo Esercitazioni Regionali Sisma Centro Italia – Amatrice. Poi è stata sviluppata dai responsabili una breve storia del COREIR : Il Corpo Regionale di Intervento Rapido nasce come punto strategico di incontro tra Associazioni di Volontariato di Protezione Civile della Regione Lazio , Enti Pubblici, Forze Armate e cittadinanza. n tale ottica la missione principale del Coordinamento è quella di collegare le singole Associazioni di Volontariato di Protezione Civile in modo da rendere più efficace ed immediato il rapporto tra esse e le Istituzioni interessate, dando a loro gli strumenti migliori, sia in ambito pratico che teorico, per potere crescere e confrontarsi su tutte le tematiche che riguardano il Sistema Integrato di Protezione Civile durante la gestione delle varie emergenze ed i servizi ad esse collegati.

Al momento il COREIR conta una sessantina di organizzazioni di volontariato e gruppi comunali da tutta la regione, e proprio pochi giorni fa è stata pubblicata la graduatoria relativa all’assegnazione dei punteggi dei coordinamenti del Lazio da parte dell’Agenzia regionale di Protezione Civile, nella quale il Coordianmento di cui fanno parte anche molti gruppi dei Castelli e dell'Area Tuscolana, si è aggiudicato il primo posto per quantità di organizzazioni aderenti, mezzi ed attrezzature. Continuando così ad essere un unto di riferimento per la Protezione Civile della Regione Lazio.

Questi i gruppi di protezione civile della nostra zona che fanno parte del coordinamento regionale COREIR : Velletri, Rocca di Papa, Rocca Priora, Zagarolo, Frascati, San Cesareo,  Colle di Fuori, Valmontone, Palestrina, Castel San Pietro, Monte Compatri, Cave e altri comuni dei Monti Prenestini.