I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Coronavirus, rimpatriati 56 italiani: "Stanno bene"

 

Risultato immagini per pratica di mare aeroporto"ROMA (cronaca) -  Bisogna però fare dei controlli", ha detto Stefano Verrecchia, Capo dell’Unità di crisi della Farnesina. 

ilmamilio.it

Sono arrivati a Pratica di Mare i 56 italiani a bordo del Boing KC767A del 14esimo stormo dell'Aeronautica Militare rimpatriati da Wuhan, la cittadina cinese dalla quale si è diffuso il coronavirus. Sul volo non è stato possibile imbarcare un ragazzo, che ieri al momento della partenza aveva un po’ di febbre: il protocollo prevedeva la partenza solo per persone che non avevano sintomatologie. Il giovane per il momento è seguito da personale sanitario a Wuhan. Gli italiani saranno sottoposti a un primo screening medico e in seguito trasferiti alla città militare della Cecchignola, dove trascorreranno 14 giorni in quarantena.

"All’apparenza stanno tutti bene, bisogna però fare dei controlli", ha detto Stefano Verrecchia, Capo dell’Unità di crisi della Farnesina. Anche la condizione del ragazzo italiano rimasto bloccato a Wuhan "non è preoccupante, auspichiamo che non abbia nulla, ma aveva la febbre e la febbre non è un sintomo trascurabile in questo caso", ha aggiunto.

Iniziato anche il rimpatrio dei cittadini cinesi. Il volo della China Airlines (CI76), arrivato vuoto questa mattina presto l'aeroporto di Fiumicino dalla città di Taiwan, è ripartito dallo scalo romano diretto a Taipei con 306 passeggeri a bordo. Si tratta del primo ponte aereo, come aveva annunciato nei giorni scorsi il Commissario straordinario per l'emergenza coronavirus Angelo Borrelli.