I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Colleferro, sotterra un Kg di droga e un fucile rubato: 50enne arrestato dai Carabinieri

 

COLLEFERRO (CRONACA)- dovrà rispondere delle accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, detenzione illegale di armi e ricettazione.

ilmamilio.it

I Carabinieri della Compagnia di Colleferro continuano nelle attività volte al contrasto di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nei giorni scorsi, i Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile hanno arrestato un 50enne del luogo, con precedenti, che dovrà rispondere delle accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, detenzione illegale di armi e ricettazione.

Nello specifico, i Carabinieri dell’aliquota operativa, con l’ausilio dei militari del Nucleo cinofili di S. Maria di Galeria, hanno dato vita ad un mirato servizio di osservazione nei pressi dell’abitazione dell’arrestato, situata nel centro storico di Artena, dove diverse auto sostavano per pochi minuti per poi ripartire a grande velocità. Avuto sentore dell’attività illecita i militari sono intervenuti all’interno dell’abitazione supportati dal nucleo cinofili di S. Maria di Galeria. L’intuito dei Carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile ha permesso di rinvenire, nel terreno circostante la propria abitazione, una cassa metallica sotterrata contenente più di 700 grammi di hashish suddiviso in sette panetti con materiale per il confezionamento della stessa e cinque bilancini di precisione. Oltremodo i Carabinieri dell’aliquota operativa hanno rinvenuto, sempre sotterrato, un barattolo di vetro contenente 260 grammi di cocaina suddivisa in dosi e, per finire, un fucile risultato rubato in Zagarolo nel corso di un furto in abitazione con relative 139 cartucce.

L’uomo è stato arrestato e tradotto presso il carcere di Velletri dove è rimasto anche dopo la convalida dell’Autorità giudiziaria.