I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Roma, aggredisce le vittime per strappargli borse e cellulari: arrestato dalla Polizia

 

f

ROMA (CRONACA) - Due le rapine messe a segno in pochissimo tempo. 

ilmamilio.it

Arresto lampo degli agenti della Polizia di Stato del commissariato San Giovanni e del Reparto Volanti.

Una donna e due uomini sono stati percossi e rapinati di notte a distanza di mezzora in zona Appio. L’ autore delle rapine è un italiano che ha creduto di farla franca, ma è stato arrestato poco dopo presso la sua abitazione dai poliziotti risaliti a lui, grazie alle minuziose descrizioni fisiche fornite dalle vittime e alla geolocalizzazione del cellulare rubato ad una di esse e cadutogli a terra.

Sono le 23.45 quando al 112 NUE arriva la segnalazione di un uomo che riferisce di essere stato colpito con un violento pugno al volto ed essere stato scaraventato a terra per poi essere derubato di borsello, cellulare e chiavi della macchina.

Sul posto immediatamente sono accorsi i poliziotti che, raccolte le descrizioni fisiche e le modalità della rapina, hanno fatto scattare le ricerche in zona.

Dopo pochi minuti, una nuova richiesta arriva al NUE: questa volta è una donna che riferisce all’operatore di essere stata aggredita, scaraventata a terra e poi rapinata della sua borsa mentre camminava a piedi insieme ad un suo amico in via Britannia.

Immediate le ricerche del ladro che, grazie alla geo localizzazione del cellulare, è stato rintracciato mentre tornava a casa. Con ancora indosso i vestiti intrisi di sostanza ematica, identici a quelli descritti dalle vittime, è stato fermato e portato negli Uffici del commissariato San Giovanni. Riconosciuto senza ombra di dubbio dalle parti lese, C.M.  24enne romano, è stato arrestato per rapina continuata e lesioni personali e per tentata rapina ai danni dell’amico della vittima di via Britannia.

Al termine del processo e convalidato l’arresto per C.M. si sono aperte le porte del carcere di Regina Coeli.