I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata -Via del Boschetto (appena rifatta), tornano le richieste: “Tratti di strada si allagano, tombino non assorbe, parco con criticità”

 

GROTTAFERRATA (attualità) – I lavori da poco ultimati, ma c’è qualcosa che non va

ilmamilio.it

In Via del Boschetto a Grottaferrata sono stati recentemente ultimati i lavori per la riqualificazione. L’opera aveva avuto seguito dopo una raccolta di firme dei residenti. Ora però gli stessi sono tornati a cercare chiarimenti ed interventi.

A seguito delle prime piogge – segnalano - sono state ravvisate delle criticità sui lavori eseguiti con il ristagno di acqua piovana su alcuni punti del manto stradale e l’immediato riempimento del tombino davanti al civico 23. Inoltre, sovente si fermano in sosta dei veicoli sulle nuove strisce pedonali realizzate vicino al tombino stesso, rendendo poco agevole attraversamento pedonale poiché coincide frontalmente con una rampa.

Il parco nei pressi della strada non è dotato di recinzione, di un cestino per raccogliere i rifiuti e spesso vengono trovate cartacce ed altro materiale a terra. L’area verde è poco illuminata nella parte interna fino albero identificato col numero '2022'.

Diversi veicoli percorrono la strada – affermano i residenti - e prendono velocità all’altezza del civici 37-35. Il nuovo marciapiede adiacente al civico 39 è puntualmente ostacolato dalla sosta di qualche veicolo nel passaggio tra il suddetto civico e il civico 42 verso piazza Giordano Bruno. La piazzetta di sosta tra civico 41 e civico 39 non è asfaltata. Il nuovo palo della luce collocato all’incrocio tra Via Isonzo e Via del Boschetto è insufficiente nell’illuminazione.

germano8 ilmamilio

Per questi motivi i residenti hanno dato vita ad una nuova raccolta di firme e una richiesta ufficiale al comune per chiedere l’inserimento dello spazio verde pubblico in un programma di manutenzione periodica, di rivedere le pendenze del manto stradale appena rifatto e cosa sia dovuto il mancato assorbimento di acqua piovana del pozzetto. Chiedono dunque che sia valutata la possibilità di nuove strisce pedonali che finiscano direttamente all’ingresso del parco, la delimitazione dello stesso con una recinzione al fine di prevenire problemi e l’installazione di un cestino dei rifiuti e per le deiezioni canine. Chiesto anche un secondo palo della luce all’interno dell’area verde e di far consentire alla fine del marciapiede del civico 39 pil corretto percorso dei pedoni, delle famiglie, delle persone con una carrozzina o portatrici di handicap. Infine, i cittadini chiedono al comune di installare all’altezza del civico 37/35 un dosso per indurre i conducenti a moderare la velocità e di inserire un nuovo palo tra via del boschetto e via Isonzo per permettere una migliore visibilità.