I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino, Officine Civiche presenta opposizione al bando comunale per il CIP: "Le realtà sociali operano da anni senza spazi né risorse"

Risultato immagini per ciampino comune"CIAMPINO (politica) - "La delibera e l’avviso di pubblicazione presentano notevoli criticità di carattere tecnico"

ilmamilio.it - nota stampa

Riceviamo e pubblichiamo:

"Trasparenza, legalità e maggiore attenzione agli interventi di tipo sociale di cui questo territorio ha bisogno. Per questi motivi abbiamo presentato formale opposizione agli atti con i quali l’Amministrazione comunale ha espresso parere favorevole all’attribuzione di un vantaggio economico di 20.000 euro ad una realtà associativa di Guidonia – da pochissimo iscritta nell’Albo Comunale delle Associazioni – per l’attivazione di un progetto denominato 'Centro Inclusivo Polivalente'.

La delibera e l’avviso di pubblicazione presentano notevoli criticità di carattere tecnico, tali da restringere fortemente la possibilità di partecipazione di altre realtà associative alla realizzazione di tale progetto. In particolare i termini per presentare proposte progettuali concorrenti e le caratteristiche spaziali della sede, che deve essere ubicata in zona semicentrale e deve avere una metratura di circa 200 mq, sono alcuni dei motivi escludenti. In una città in cui le realtà sociali lamentano da anni la totale assenza di spazi pubblici quest’ultimo requisito appare particolarmente odioso. Ma a preoccupare è la mancanza di visione sulle politiche sociali da attivare: lo dimostra il fatto che l’Amministrazione non stabilisce le caratteristiche che il CIP dovrebbe avere, ma si avvale esclusivamente dell’elenco delle attività avanzate dal proponente, le quali sono estremamente diversificate e mancano, a nostro avviso, di una coerenza interna.

Non ci siamo limitati a presentare l’opposizione agli atti ma abbiamo anche inviato tutta la documentazione relativa al caso al Difensore Civico Regionale. Inoltre, siamo riusciti a presentare una proposta progettuale concorrente, perché ci sono realtà su questo territorio che fanno da tempo inclusione sociale e sono in grado di avanzare proposte concrete. Ci piacerebbe che molte altre organizzazioni del territorio presentino un progetto, per ricordare all’Assessore e a tutta l'Amministrazione che esiste chi a Ciampino fa inclusione, cultura, sport, educazione e solidarietà, da anni e con fatica. Realtà che hanno sicuramente un polso della situazione maggiore per quanto riguarda le criticità sociali, che conoscono e su cui operano nonostante la scarsità di risorse e spazi e - non da oggi - il totale abbandono da parte della politica.