I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Pomezia, ex stabilimento "Tacconi", la Giunta rimodula il programma integrato: nuova strada tra via del Mare e via Gronchi e nuova scuola

petromarine ilmamilioPOMEZIA (attualità) - Una vicenda giudiziario-urbanistica che si trascina da molti anni

ilmamilio.it - nota stampa

La Giunta comunale di Pomezia ha approvato la proposta di rimodulazione al Consiglio Comunale del programma integrato di intervento Petromarine. La vicenda riguarda la riconversione dell’ex stabilimento industriale Tacconi, già sottoposta due volte all’esame del Tar del Lazio, per la riqualificazione dell’area.

“L’opera di riqualificazione – ha spiegato l’Assessore Luca Tovalieri – prevede la realizzazione di importanti opere di urbanizzazione finalizzate ad integrare il nuovo quartiere con la città e raccordare i quartieri già esistenti. Tra gli interventi previsti, la realizzazione di una nuova scuola materna per rispondere alle esigenze degli utenti, la valorizzazione dei laghetti presenti nell’area e una nuova arteria di collegamento tra via del Mare e via Gronchi”.

mercatino natale frascati 191201

“Proseguiamo con l’opera di recupero di vecchi immobili ormai in disuso, che grazie ad interventi integrati riprendono vita. La riqualificazione dell’area ex Tacconi ci permette di ridisegnare un quadrante nevralgico della città, accostando interventi di valorizzazione ambientale e minimizzazione del consumo di suolo ad importanti opere di urbanizzazione – ha aggiunto il Sindaco Adriano Zuccalà –; mettiamo inoltre la parola fine ad una vicenda giudiziaria che si trascina da troppo tempo. L’intervento di recupero avverrà, probabilmente per la prima volta in Italia, utilizzando alcuni dei criteri ambientali minimi a vantaggio della sostenibilità ambientale”.