I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Abbondati (PC): "Ciampino fuori dalla classifica 'comuni ricicloni'. Differenziata 54%, peggiore di sempre"

 

Risultati immagini per abbondatiCIAMPINO (POLITICA) - nota dell’ex consigliere comunale, esponete del movimento cittadino Partecipazione Civica. 

ilmamilio.it - nota stampa

Riceviamo e pubblichiamo:

“Ciampino è fuori dalla classifica dei comuni ricicloni del Lazio, la speciale graduatori stilata ogni anno da Legambiente, che premia i Comuni che hanno superato il 65% di raccolta differenziata dei rifiuti, passati in un anno da 86 a 127. Con il 54% il nostro comune segna nel 2018 la peggiore percentuale di differenziata da quando viene svolto questo servizio”.

E’ quanto si legge in una nota dell’ex consigliere comunale Guglielmo Abbondati esponete del movimento cittadino Partecipazione Civica. 

mercatino natale frascati 191201

“In particolare i dati del catasto rifiuti dell’ISPRA – spiega Abbondati – certificano che la raccolta differenziata a Ciampino, non abbia mai raggiunto la percentuale del 65%, benché questo fosse l’obiettivo fissato dall’amministrazioni comunale al momento dell’affidamento del servizio alla Partecipata AMBIENTE SpA. A crescere invece è la produzione dei rifiuti, così come la quantità dell’indifferenziato e la stessa tariffa, come costatano in questi giorni i cittadini chiamati a saldare la TARI”.

“Eppure tra i Comuni entrati nella classifica virtuosa di Legambiente, ci sono Palestrina, Cave, Castel. San Pietro e Genzano il cui servizio di raccolta è gestito sempre da Ambiente SpA. Viene da chiedersi come mai, proprio nel Comune che detiene il 99% del capitale sociale, il servizio continua a peggiorare. Segno evidente – conclude l’esponente di Partecipazione Civica -  che questo modello in housing della Società AMBIENTE non regge più e tutti gli oneri derivanti dalla gestione dei servizi rifiuti in giro per i comuni, si scaricano sulla nostra città”.