I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino è il primo comune del Lazio per consumo di suolo

CIAMPINO (attualità) - Il bilancio di fine anno deve indurre a un ripensamento delle politiche urbanistiche

ilmamilio.it

Siamo giunti a dicembre ed è tempo di bilanci. Uno senz’alto d’interesse per il territorio di Ciampino è quello relativo ai consumi di suolo, tema caldo nella cittadina aeroportuale.

Una delle voci più autorevoli è il Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale (SNPA), nato dalla sinergia tra le 21 Agenzie Regionali (ARPA) e Provinciali (APPA), oltre che ad ISPRA (Istituto superiore per la ricerca e protezione ambientale), che elabora ogni anno il Rapporto “Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici”. Obiettivo dello studio, pubblicato a settembre 2019, è il monitoraggio del territorio e del consumo di suolo, per offrire un quadro aggiornato dei processi di trasformazione della copertura del suolo. È possibile avere così una fotografia del territorio nazionale in funzione della perdita di un risorsa fondamentale, il suolo, con le sue funzioni e servizi ecostitemici. Non dimentichiamo che la tutela del patrimonio ambientale, del paesaggio e il riconoscimento del valore del capitale naturale sono impegni cui richiama l’Europa, anche alla luce della particolare fragilità del nostro territorio.

mercatino natale frascati 191201

Il rapporto completo, supera le 220 pagine, ma c’è una parte che a noi interessa più di altre, quella relativa al Lazio, a Roma e poi a Ciampino. Roma risulta essere il Comune italiano che maggiormente ha trasformato il proprio territorio nell’anno 2018, con 75 ettari di suolo consumato artificialmente. Lo studio scende poi a livello comunale e la nostra amata Ciampino ottiene il primato tra i comuni che hanno registrato la maggiore densità del consumo di suolo annuale netto in metri quadrati per ettaro (incremento 2017-2018). (Vedi tabella).

Analogamente, il comune di Ciampino, detiene il primato per la percentuale di territorio consumato al 2018 con il 41,83%, seguita da Anzio (35,07%) e Frosinone (29,19%) per quanto riguarda il Lazio.

Dati come questi, anche a valle delle criticità del territorio ciampinese, dall’eccessivo traffico nelle strade fino alla costruzione di quartieri in zona non ancora allacciate alla rete fognaria, dovrebbero indurre a una riflessione e ripensare per il futuro una pianificazione territoriale maggiormente cautelativa e mirata a migliorare la qualità della vita dei cittadini.

È possibile scaricare e sfogliare per intero il rapporto ai seguenti link:

http://www.isprambiente.gov.it/it/temi/suolo-e-territorio/il-consumo-di-suolo/i-dati-sul-consumo-di-suolo

https://issuu.com/snpambiente/docs/rapporto_consumo_di_suolo_20190917Tabella19