I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

“Ciampino e il suo territorio”, una visita guidata tra le antichità della città

visita4 ciampino ilmamilioCIAMPINO (attualità) - Una domenica mattina all’insegna della cultura e della scoperta di luoghi incantanti e sconosciuti ai più

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Ciampino e il suo territorio”, è questo il titolo dell’iniziativa promossa dalla coalizione Diritti in Comune, una vera e propria visita guidata tra le bellezze che offre Ciampino.

Ebbene sì, anche Ciampino, come è già stato dimostrato dal ritrovamento delle meravigliose statue rinvenute nella Villa di Messalla che narrano il mito di Niobe, sono presenti preziose risorse storico-culturali. Tutto sta a valorizzarle.

LEGGI ANCHE...

Già, perché a chi a Ciampino ci è nato e cresciuto non interessa il business dell’aeroporto, non interessa che la cittadina venga ricordata soltanto per l’inquinamento e per il rombo degli aerei. Ciampino ha un territorio esteso, che sorge alle pendici dei castelli romani e va valorizzato.

È questo l’obiettivo della passeggiata che si terrà domenica 15 dicembre alle ore 11. Un’escursione guidata per conoscere il fosso dell'Acqua Mariana, alla scoperta del famoso corso d'acqua - oggi nuovamente minacciato da interventi pesanti - e di due monumenti medievali abbandonati: la Mola Cavona e la Torre dell'Acqua Sotterra.

Si tratta di una parte del territorio poco conosciuta, dominata dallo scorrimento naturale del corso d'acqua che nei secoli ha rivestito - come risorsa idrica ed energetica - un ruolo notevole nella storia dei Castelli e di Roma, un'area dimenticata da molti e a costante rischio di cementificazione, ma ancora capace di offrire spunti paesaggistici e culturali di rilievo.mercatino natale frascati 191201
Visto che la sua esistenza è documentata a partire dall'anno 1028, la Mola Cavona è il più antico opificio del territorio ciampinese; il complesso, per il quale da decenni chiediamo un intervento di valorizzazione e tutela, versa da troppi anni in abbandono: le ultime pulizie e promesse risalgono al 2002, quando il monumento fu adottato dai ragazzi della scuola media U. Nobile.

Quella dell'Acqua Sotterra è invece una torre semaforica del XIV secolo, facente parte del sistema di controllo e difesa del territorio: anch'essa assediata dall'edilizia privata merita attenzione e validi strumenti di tutela e valorizzazione.

L’iniziativa si sviluppa da un punto di raccolta per i partecipanti presso la zona residenziale di Colle Oliva e prevede un’escursione guidata.