I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, la lettera: “Su Via del Fico insistono problemi strutturali: è molto più di un cartello”

 


GROTTAFERRATA (attualità) - Il residente: "Inutile mettere bandierine"

ilmamilio.it

Riceviamo e pubblichiamo:

"Sia chiaro, nessun tema o nessuna battaglia è di una persona sola e anzi ben venga unire le forze per un obiettivo comune nel senso di bene comune, ma mettere le bandierine senza portare un vero valore aggiunto non fa bene a Grottaferrata.


Ho appena letto l’articolo su Via del Fico da parte di un movimento civico neo costituito nel comune di Grottaferrata. nonostante i “vertici” di tale movimento e le persone con cui questo movimento sono solite interagire abbiano i miei contatti personali, se questi veramente volevano fare qualcosa per Grottaferrata, potevano proporre di unire le forze e lo avrei fatto molto volentieri fornendo anche tutta la documentazione finora prodotta, anziché portare avanti un’iniziativa in questi termini. questo comportamento “potrebbe” far pensare alla volontà di mettere la classica “bandierina”, senza fare realmente nulla di nuovo.

mercatino natale frascati 191201

Dietro alla facile ironia sulla seppur giusta apposizione di un cartello su buche/avvallamenti vari per la pessima manutenzione del manto stradale, su Via del Fico insistono problemi strutturali del manto stradale (si pensi alla buca di non piccole dimensioni di qualche tempo fa), per non parlare di altro come la pulizia dei pozzetti, il corretto deflusso delle acque in caso di pioggia, gli allagamenti a valle della via, etc etc. qui e’ come parlare della pagliuzza e non vedere la trave. è come parlare della Molara e chiedere lumi su una tettoia di una singola abitazione anziché rivedere insieme l'urbanistica della zona oppure occuparsi di un parapedonale a Pratone e non ripensare a tutta la viabilità.

Leggi anche:  "Vivere Grottaferrata" punta i fari sulle condizioni di Via del Fico

In tale ottica, la mancanza di una visione di insieme e di sordità al dialogo si e’ manifestata anche nella infelice uscita dei “vertici” del movimento civico nel passaggio in cui si dice che e’ inutile risvolgersi all’assessore ai lavori pubblici (e a chi senno’???), poichè se i “vertici” si fossero confrontati e/o coordinati preliminarmente come sopra auspicato avrebbero scoperto che l’iniziativa di riqualificazione di via del fico (che sta a monte della semplice buca/avvallamento segnalata piu’ o meno appropriatamente) portata avanti da noi residenti di via del fico ha visto come destinatari “anche” gli altri principali e immediati attori da coinvolgere in tale decisione (anziche’ una generica “regia al 4 piano”), che di seguito ricordo: sindaco per il coordinamento e per l’indirizzo politico generale, assessore al bilancio per la ricerca di fondi comunali da stanziare, presidenti di commissione comunale competente per materia per affrontare preliminarmente il tema in commissione, dirigenti e uffici competenti per materia per la parte tecnica, presidente del consiglio comunale per calendarizzare una discussione in consiglio comunale. per inciso, credo che l’assessore ai lavori pubblici (che alla fine, vuoi o non vuoi, è il principale referente per i lavori pubblici di Grottaferrata) sappia benissimo dove si trova Via del Fico, sappia anche che dovrebbe intervenire su Via del Fico e magari anche che il semplice impegno per un generico interessamento futuro condizionato da molti “se” e “ma” non e’ sufficiente. questo per far capire che non basta una battuta da bar su un dettaglio per affrontare un problema più delicato e più ampio di quello che può sembrare come quello a Via del Fico, che ha visto indirizzare anche una lettera al sig. Prefetto, ma serve serietà, costanza e soprattutto unità”.


…E queste sono le persone che meno di 10 giorni fa parlavano di una costituente delle forze politiche di un preciso orientamento politico con l’intento di farsi promotore di un’iniziativa tesa al "coordinamento"... Se tanto mi da tanto…

Massimo Vinci”

191114 aeci