I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

“Maitresse” cinese gestiva 3 “case chiuse” ad Ostia, Fiumicino e Tuscolana. Arrestata

 

a

ROMA (cronaca) - Per lei il reato di sfruttamento della prostituzione

ilmamilio.it

Le indagini, condotte dagli agenti del commissariato di Fiumicino, diretto da Lucia Franchini, sono partite da alcuni annunci pubblicizzati su vari siti di incontri. I poliziotti, monitorando le utenze, hanno capito che i clienti venivano indirizzati in vari appartamenti tra Ostia, Fiumicino e Tuscolano. Individuata la maitresse, una 42enne cinese, l’hanno seguita fino ad un palazzo nel centro di Ostia. La donna, ignorando di essere controllata a vista, ha bussato ad un appartamento e, quando ha aperto una ragazza orientale in abiti succinti, si è fatta consegnare una mazzetta di soldi. Visto lo scambio, i poliziotti sono intervenuti bloccando entrambe le donne. Come sospettato, la giovane che ha aperto la porta, si prostituiva e, il guadagno, tranne pochi euro, doveva consegnarlo alla donna. Oltre ai soldi ed ai cellulari i poliziotti hanno anche sequestrato delle ricevute di ricariche Postpay.

191114 aeci

Gli investigatori, subito  dopo, hanno bussato ad un appartamento di Fiumicino ed anche qui ad aprire è stata una giovane prostituta di origini orientali, arrivata da 2 mesi in Italia. La ragazza riferiva di non sapere per chi lavorasse ed i soldi guadagnati doveva lasciarli sotto lo zerbino.

Il terzo appartamento riconducibile all’attività gestita dalla 42enne è nella zona di Tuscolano ed anche qui è stata trovata una prostituta cinese.

Per ultimo è stata perquisita l’abitazione, sempre nel quartiere Tuscolano, dove abitava la maitresse. In casa c’era il compagno e lì sono stati trovati e sequestrati  i cellulari con le utenze pubblicizzate e svariati preservati identici a quelli trovati nelle “case chiuse”.

E' stata arrestata e condotta nella sezione femminile del carcere di Rebibbia.