I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, la segnalazione: “Valle Violata è ormai diventata uno sfasciacarrozze a cielo aperto”

GROTTAFERRATA (attualità) - Il Presidente del Comitato: "Varie segnalazioni, nessun risultato"

ilmamilio.it

Smart, Mercedes, Kia, Mini, Fiat 600, Jeep, Lancia-Y, Ford Focus. Questo il 'parco macchine' abbandonate in Valle Violata, periferia di Grottaferrata. A denunciare questa situazione è il Comitato di Quartiere, che ora chiede interventi alle pubbliche autorità. Una situazione che si protrae da diverso tempo nella zona di Via Monte Santo e che ha bisogno secondo i cittadini di verifiche, controlli ed interventi.  

Di seguito la segnalazione:

"Gentile redazione del Il Mamilio,

sono Luca Bruselles, vi scrivo in qualità di segretario del Comitato di Quartiere di Valle Violata, confidando nella vostra sensibilità nel segnalare le problematiche che ogni giorno affliggono il territorio dei Castelli Romani. Non è la prima volta che scriviamo per segnalare i problemi di questo quartiere periferico di Grottaferrata e ogni volta abbiamo ottenuto la vostra attenzione.

191114 aeci

In questo caso vorrei segnalare il degrado che si sta manifestando su Via Monte Santo, nella totale indifferenza delle istituzioni comunali.

In particolare, sin dal 21 agosto 2019, con lettere inviate a mezzo PEC al Sindaco Andreotti e al Comando della Polizia Municipale di Grottaferrata, si segnalava formalmente la presenza di numerosi veicoli in abbandono nei parcheggi pubblici insistenti sulla Via Monte Santo.

I veicoli risultano sprovvisti della copertura assicurativa RCA obbligatoria e in molti casi sono anche privi di revisione; inoltre, sono stati abbandonati sui parcheggi pubblici già da svariati mesi; in questo modo i residenti della zona e gli avventori degli esercizi commerciali, a causa della mancanza di parcheggi liberi, sono costretti ingiustamente a pagare la sosta nei sulle strisce blu presenti sulla stessa via.

La normativa parla chiaro: «I veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate se non siano coperti, secondo le disposizioni della presente legge, dall'assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi prevista dall’articolo 2054 del codice civile».

Ma c’è un’ulteriore precisazione:«Sono considerati in circolazione anche i veicoli in sosta su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate. Ai fini dell’applicazione della legge sono equiparate alle strade di uso pubblico tutte le aree, di proprietà pubblica o privata, aperte alla circolazione del pubblico».

Anche la Corte di Cassazione si è espressa la riguardo:«assume evidentemente rilievo la considerazione per cui anche un veicolo in sosta, oggettivamente idoneo alla circolazione, può essere coinvolto in un sinistro ed essere fonte di danni per i terzi»

Per quanto sopra veniva richiesto all’Ufficio della Polizia Municipale di Grottaferrata, in adempimento dei propri compiti istituzionali, di provvedere alla rimozione dei veicoli indicati come disposto dall’art. 193 del Codice della Strada. Dal 21 Agosto ad oggi nessuno dei nr. 5 veicoli segnalati è stato rimosso e anzi, vista l’impunità di fatto accordata a tali comportamenti, i mezzi abbandonati su parcheggi pubblici sono diventati 10.

L’8 Novembre 2019, con nuova missiva, questo comitato procedeva a un ulteriore segnalazione e a sollecitare l’intervento di rimozione dovuto. Anche in questo caso l’appello è rimasto del tutto inascoltato.

La cosa che fa più tristezza in tutta questa vicenda è che gli organi comunali interpellati siano rimasti del tutto indifferenti alle legittime proteste dei residenti di Valle Violata e che i furbi possano violare impunemente le disposizioni di legge ai danni dei cittadini onesti.

Grazie per la consueta attenzione".