I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Fiumicino, Calicchio: "Intimidazioni ad una cittadina che stava raccogliendo delle firme: ferma condanna"

Risultati immagini per paolo calicchioFIUMICINO (politica) - L'Assessore: "Un gesto vile e sessista, oltre che violento - prosegue Calicchio -: non servono i lividi perché un gesto sia classificato come violento"

ilmamilio.it

"Com'è noto, il mio assessorato sta studiando alcune misure per istituire zone pedonali davanti alle scuole per facilitare l'entrata e l'uscita quotidiane dagli istituti. Il progetto è già partito, in via sperimentale, a Fregene riscuotendo un certo successo tra i genitori". Lo dichiara l'assessore alla Scuola Paolo Calicchio.

"Nell'ambito di questo progetto alcune realtà attive sul territorio (comitati, associazioni ecc) si sono proposte di raccogliere firme tra i residenti perché sia un'iniziativa condivisa - prosegue Calicchio -. E' successo anche in una località del Comune dove una giovane donna, animata da un forte senso civico, ha iniziato a raccogliere le firme. Guarda caso, proprio nei giorni di questa attività, qualche incivile ha deciso di intimidirla facendole trovare sull'auto una gran quantità di peni finti".

191114 aeci

"Un gesto vile e sessista, oltre che violento - prosegue Calicchio -: non servono i lividi perché un gesto sia classificato come violento. Un atto che proprio in una giornata come questa va denunciato e condannato senza se e senza ma". "La violenza sulle donne assume diverse forme - insiste l'assessore - e a nessuno passi per la testa di minimizzare fatti del genere".

"Ho deciso, di mia iniziativa, di chiedere la sospensione della raccolta firme perché nessuno deve essere esposto a violenze simili per avere sposato un'iniziativa dell'amministrazione - sottolinea Calicchio -. Quello che non sospenderemo, invece, è il progetto delle aree pedonali che proseguirà in tutte le località dove lo riterremo utile, in collaborazione con la Polizia Locale e il delegato del Sindaco alla Sicurezza Parente".

"Ribadisco la mia ferma condanna a quanto accaduto - conclude l'assessore - che ci chiama tutti in causa in quanto cittadini di questo Paese".