I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, per l’Isidoro Croce sarà un altro anno senza palestra?

GROTTAFERRATA (attualità) – La struttura è inagibile da novembre 2016 per un distacco dell’intonaco a ridosso delle cornici interne. Una criticità che deve essere di massima priorità per l’Amministrazione Andreotti.
 
Ilmamilio.it -  contenuto esclusivo
 
 
E’ ancora inagibile la palestra del plesso Isidoro Croce dell’Istituto Comprensivo San Nilo di Grottaferrata chiusa a novembre 2016 (LEGGI l'articolo del 1 novembre 2016) quando l’Ufficio tecnico, dalle operazioni di verifica statica effettuate dopo il sisma di fine ottobre, aveva evidenziato dei distacchi d’intonaco a ridosso delle cornici interne.  Una problematica che ha fortemente penalizzato l’offerta formativa dell’I.C. San Nilo nell’anno scolastico 2016/2017 e che quest’anno potrebbe persistere se non si interviene tempestivamente. La scuola è appena cominciata, ma poco chiari sono il progetto di intervento e le sue tempistiche. La macchina scolastica non può attendere altro tempo per garantire “il potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport ” come prescritto dalla legge.


La struttura, oltre alle attività motorie svolte dagli alunni della scuola primaria e dagli studenti della scuola secondaria ha sempre offerto, sia alla comunità dell’I.C. San Nilo e di Grottaferrata, attività sportive extrascolastiche quali basket, yoga, volley e molto altro ancora.


Uno spazio senza il quale gli alunni sarebbero costretti a rinunciare allo sport, elemento inestimabile per la crescita psico-fisica dei ragazzi.
Una criticità, insomma, a cui l’Amministrazione Andreotti deve dare priorità per garantire il diritto allo studio e rispettare la legge.

Commenti   

0 #1 ilTOMTOMfatti& 2017-09-18 13:24
MISfatti dice: che un DIRITTO come l'attività ludico sportiva multidisciplinare SCOLASTICA, non può essere negato da altre priorità fittizie!
Ad esempio pochi sanno, anzi pochissimi, compresi eletti&delegati "SMENTITECI subito !", che quello che riteniamo un diritto - mensa&scuolabus&tempopieno - sono servizi a domanda individuale = se lo vuoi lo PAGHI !! a gtf i tributi li pagano solo il 10% degli accertati
Tant'è che in a Gtf Italia e isole comprese anche questi servizi NON sono serviti, anzi chiudono le porte ai bambini!
Save the Children 2017 "(NON) tutti a mensa 2017 ! Mensa e Tempo pieno sono NEGATI nella stragrande parte dell'Italia!
Nel caso in questione, è DOVERE del proprietario (COMUNE) riconoscere il DIRITTO all'uso sicuro&SICURO della PALESTRA SENZA SE SENZA MA !
I problemi che si ereditano dalle precedenti amministrazioni sono " DOVERI&DOVERI prioritari" per qualunque eletto....anche se cinico.
Citazione