I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Zagarolo, la prima giornata de "I Saperi della legalità"

ZAGAROLO (attualità) -  ieri nello Spazio Attivo LOIC di Lazio Innova a Palazzo Rospigliosi Zagarolo, 

ilmamilio.it

Si è svolta ieri nello Spazio Attivo LOIC di Lazio Innova a Palazzo Rospigliosi Zagarolo, dimora storica del Lazio, la prima giornata di formazione dei ragazzi di Zagarolo, in vista delle elezioni del Consiglio dei Giovani. Il primo approfondimento trattato - i prossimi incontri si svolgeranno il 21 e il 28 Novembre - è stato quello legato ai metodi di corruzione con una presentazione in slide proiettata, stampata e distribuita tramite cartella stampa ai ragazzi intervenuti. "A Gennaio scorso abbiamo istituito in Consiglio comunale il Consiglio dei Giovani - spiega il Sindaco di Zagarolo, Lorenzo Piazzai. - In quella sede i ragazzi avevano chiesto di poter arrivare preparati e di comprendere realmente il significato delle elezioni.  Le giornate che abbiamo organizzato sono state pensate per rispondere a quella necessità, mettendo in campo tutte le forze comunali per spiegare quali principi sono alla base dell'agire pubblico e del principio di legalità e trasparenza. Un ringraziamento va allo Spazio Attivo di Zagarolo che ci ha permesso di incontrare i ragazzi e alla Regione Lazio che ha finanziato il Consiglio dei Giovani di Zagarolo".

"Pensiamo che per combattere l’illegalità ci debba essere, a monte, un sapere e una conoscenza specifica - aggiunge l'Assessore alle Politiche scolastiche e culturali di Zagarolo, Emanuela Panzironi. - Oggi abbiamo parlato della corruzione e di tutte le forme che prende nella nostra società. Abbiamo scoperto insieme cosa è stato fatto per arginarle e cosa ancora deve essere fatto per provare a cancellarle del tutto. Con questo progetto vorremmo contribuire a creare una cultura dell’impegno, dell’onestà e del merito, per insegnare alle giovani generazioni che sono questi i veri valori da perseguire. Al termine di questo percorso i ragazzi riceveranno un attestato di partecipazione. Anche io, infine, desidero ringraziare qualcuno: i dirigenti scolastici e gli insegnanti per il supporto che ci stanno dando nella condivisione e nello stimolo nel far partecipare i ragazzi e Raffaele Cantone che, pur avendo lasciato l'ANAC a Luglio, ci ha inviato un messaggio di auguri per il progetto che è stato avviato a Zagarolo". 

191114 aeci