I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Crisi Sts Frascati, il comitato dei lavoratori: "Le colpe di chi... c'era prima"

FRASCATI (politica) - La risposta alla lunga nota della lista Mastrosanti

ilmamilio.it

Da Coralas, Comitato dei lavori della Sts Asp riceviamo e pubblichiamo.

"Non ci sono dubbi che quello che viviamo nel presente è il frutto di ciò che è stato nel passato, così come quello che facciamo accadere oggi lascerà le sue tracce nel domani.

Noi tutti siamo il frutto di ciò che è accaduto prima di noi e lasceremo in eredità le conseguenze delle nostre azioni a chi verrà dopo di noi. Questa è una legge a cui non può sottrarsi nessun essere vivente.

Vivere il presente, ammettendo di determinare gli eventi che, frutto delle azioni passate, sono anche la causa degli eventi futuri, è allo stesso tempo una responsabilità di tutti.

Nessuno di noi potrà per tutta la vita attribuire la responsabilità delle proprie azioni a quello che ci è stato lasciato, né potrà esimersi dal dovere di consegnare a chi verrà dopo di noi i risultati del proprio operato.radioRomaCapitale2 ilmamilio

Inutile dire che la colpa di chi c’era prima viene usata sempre più spesso come giustificazione, anche da chi ha fatto parte di quel prima, inutile dimostrare con prove certe e inconfutabili che chi parla era nella condizione di cambiare le scelte sbagliate del passato, perché questi ormai sono fatti noti a tutti.

LEGGI Frascati - La lista Mastrosanti sindaco spiega la delibera sul Piano di riequilibrio

Si sono scritte troppe parole in questi giorni per attribuire sempre le colpe agli altri, troppe poche per ammettere di avere e di avere avuto delle RESPONSABILITA’. La responsabilità è diventata un concetto anacronistico e difficile da trattare, soprattutto nei contesti dei social e nella frenesia linguistica che sempre più spesso si utilizza. Parlare di responsabilità proprie o degli altri richiede attente analisi, tempo, oggettività e soprattutto coraggio.

Ammettere di avere commesso degli errori, anche a causa delle difficoltà tramandate dal passato, ma errori comunque, ragionare su di essi e decidere di riparare, per evitare che di questi errori facciano le spese quelli che verranno dopo, che potranno nuovamente utilizzare gli stessi argomenti, in un infinito circolo vizioso, può rendere impopolari, ma certamente rende evidente che chi ha agito, anche sbagliando, lo ha fatto con onestà. Negare gli errori, nascondersi per sempre dietro la difficoltà che ci si è trovati a gestire per colpa degli altri, continuando a generare disastri che dovranno risolvere sempre gli altri, al contrario, non può che essere il segnale di un intento scorretto.

Viene in mente la storia raccontata in un film americano (Traffic), che rende bene il concetto:

“Quando fu cacciato, Krushev scrisse due lettere al suo successore e gli disse: “Quando ti troverai in un grosso guaio, apri la prima lettera e sarai al sicuro. Quando ti troverai di nuovo in un guaio, apri la seconda lettera”. Presto quello si trovò in un brutto guaio e aprì la prima lettera. Diceva: “Dai tutta la colpa a me”. Diede tutta la colpa al vecchio e la cosa funzionò. Poi si trovò in un secondo guaio e aprì la seconda lettera. Diceva: “Siediti e scrivi due lettere”.

Dovendo rilevare che chi sta governando la nostra Città non ha ancora trovato un modo di uscire dalle difficoltà, diverso da quello di dare la colpa al “vecchio”, viene da suggerire “SIEDITI E SCRIVI DUE LETTERE”.