I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, i sindacati tuonano sulla STS: “Il predissesto…Nonostante gli impegni”

FRASCATI (attualità) - le parole delle sigle sindacali sulle criticità dell'azienda partecipata

ilmamilio.it - nota stampa

Riceviamo e pubblichiamo da Giammario Innamorato (Cgil), Antonio D’Agostino (Cisl) e Stefano Lulli (Csa), ovvero i rappresentanti delle organizzazioni sindacali territoriali che avevano firmato l’accordo di salvaguardi aziendale con il CDA ed il sindaco solo pochi giorni fa dal Prefetto.

“Le scriventi Rappresentanze dei Lavoratori della STS Multiservizi Azienda Speciale scrivono la presente a seguito della pubblicazione della Delibera di Giunta Comunale n. 185 del 04/11/2019, nella quale la Giunta del Comune di Frascati delibera la volontà di mettere in atto l’esternalizzazione della maggior parte dei servizi svolti dal personale STS nonché paventa la possibile liquidazione della stessa qualora tali interventi non risultino sufficienti in termini di risanamento delle casse Comunali.

Leggi anche --> Il Comitato Sts: "La Giunta esce allo scoperto e decreta la fine della società. Mastrosanti si era impegnato col prefetto"

Leggi anche --> Frascati: ecco il Piano lacrime e sangue di Mastrosanti. Tasse su, servizi giù. La STS? Praticamente da esternalizzare

Tutto in netto contrasto con le dichiarazioni finora rilasciate dal Sindaco e dai rappresentanti dell’Amministrazione negli ultimi incontri, anche di fronte al Prefetto di Roma, atti a redigere un accordo che potesse salvare l’Azienda e i suoi lavoratori alla vigilia della chiusura di un bilancio che non può essere negativo. Accordo che ha visto i lavoratori, indicati dalla stessa amministrazione come una preziosa risorsa, pronti all’ennesimo sacrificio economico e lavorativo.

Una delibera emanata in totale assenza di trasparenza, in modalità ben lontane da quel “tavolo permanente” più volte indicato dal Sindaco come modalità condivisa per affrontare le criticità dell’azienda, come riscontrabile nel Resoconto della procedura di conciliazione redatto dalla Prefettura di Roma.

L’amministrazione di Frascati in completadissociazione, da una parte riconosce il know how delle lavoratrici e dei lavoratori della STS come un valore prezioso per il comune ma soprattutto per la cittadinanza e dall’altra li tratta come un mero costo, facendo gravare su di loro addirittura il risanamento dell’Ente che quotidianamente contribuiscono a tenere in piedi.

E mentre le Rappresentanze Sindacali e i dipendenti STS, pur manifestando fin da subito il loro disappunto per le perversità perpetrate dai vertici dell’Azienda e dall’Amministrazione, con spirito di responsabilità e con il fine ultimo della salvaguardia delle lavoratrici e dei lavoratori della STS hanno mostrato in più occasioni la disponibilità a trovare una strada da perseguire per ripianareaberrazioni gestionali  ed economiche, almeno pari a quelle perpetrate nell'economia dell'ente, (così come fatto e dichiarato in ultima occasione in prefettura il 25 ottobre e nell’incontro con l’azienda il 30 ottobre, solo 5 giorni prima della pubblicazione della Delibera)  l’Amministrazione Comunale, tramando di nascosto ed in modo mendace, vanifica il lavoro fatto fin ora a salvaguardia dell’Azienda.

Alla luce di tutto questo, ormai percorse tutte le strade di dialogo costruttivo e per trovare la giusta connotazione e legittimità delle azioni, rivendicando la giusta tutela dei diritti dei lavoratori e per dire che non può esistere alcun accordo se l’Amministrazione disconosce le sue stesse dichiarazioni, si chiede l'immediata revoca della Delibera di Giunta in questione, e che si mantengano gli impegni presi in Prefettura.

In difetto di ciò, nei tempi strettamente necessari agli atti formali, si proclameranno le ormai irrinunciabili azioni di sciopero del personale e un presidio permanente a tutela del posto di lavoro di 100 persone e della tenuta dell'Azienda”.