I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata: perché Andreotti e Città al Governo non comunicano l'esito delle loro "consultazioni"? Il sindaco rendiconterà alla città?

GROTTAFERRATA (politica) - Fase chiusa o quasi: da palazzo Consoli chiaramente non esce mezza parola

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Di Paolucci abbiamo saputo. De Il Faro abbiamo saputo. Del Pd e del Movimento 5 stelle abbiamo saputo, attraverso comunicati delle stesse due forze politiche.

LEGGI Grottaferrata, la doppia (irrispettosa) velocità della comunicazione istituzionale. Le consultazioni? Una buffonata

Ma quale sia stato l'esito dell'incontro di "consultazioni" tra il sindaco Luciano Andreotti e quelli di "Città al Governo" (gli ex duri e puri) nessuno lo ha comunicato al mondo.

Come mai?

Che sindaco e Rita Consoli si siano incontrati appare dato certo: ovvio, non solo in ambiti politici vari, ma proprio in ottica di consultazioni. Perché qualcuno potrebbe pensare: "Bé, ma il sindaco ha dovuto consultare solo le opposizioni, e "Città al Governo" tutto è tranne che opposizione". Argomentazione formalmente giusta, ma proprio in ottica di formalismo, di fatto, la posizione ambigua di CaG ha richiesto che anche l'ex forza di minoranza ricadesse nel perimetro delle "consultazioni".

Ebbene: di Paolucci s'è scritto (il consigliere che al momento blinda Andreotti), e di Città al Governo?

Attenderemo luminose comunicazioni istituzionali. Così come, e appare davvero strano che il sindaco non si affretti a farlo, attenderemo che Andreotti racconti alla sua città - Grottaferrata (da non confondersi con Valmontone, anche se spesso il dubbio viene) - quale sia l'esito finale (ma sembra manchi ancora Veronica Pavani) di questa curiosa fase consultativa che lui stesso, per giustificare i funambolismi politici di cui si è reso protagonista, ha voluto avviare.

Attendere, prego. Forse

radioRomaCapitale2 ilmamilio

Commenti   

0 #1 specchiospecchio 2019-10-28 09:34
delle mie brame, che cacchio di domande pone il direttore?
Tra gli eterodiretti i duri&puri lo sono sempre stati. Quelli che hanno abbandonato (surigati&goblin di sx) portano l'auricolare
Sappia direttore che:
"lagggente" vede solo quello che vuole vedere
"lagggente" sente solo quello che vuole sentire
"lagggente" legge solo quello che vuole leggere
Se "lagggente" poi, quello che vuole vedere, sentire o leggere capisce se è o meno la verità dei fatti, potrebbe essere una coincidenza?
Noi non crediamo alle coincidenze!
Vede direttore, la pOLITICA a Gtf è come una banca d'affari, vuole il controllo
Che sia il controllo del suolo, delle trasformazioni di destinazioni dei terreni, delle alienazioni, degli atti d'obbligo, delle convenzioni urbanistiche ecc
O sia il controllo del debito pubblico, non fa differenza!
A pagare sono solo i Cittadini!
perché l'eletto17 NON "l'ha" nominato "mega manager" ?
Citazione