I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Zappata Romana: “I romani coltivano la città”. 100 nuovi orti

ROMA (attualità) - Momento di condivisione e rinascita

ilmamilio.it

Roma come Parigi, Londra, Berlino e altre capitali europee. Aree verdi abbandonate o parchi in cattivo stato di manutenzione, in centro e in periferia, saranno recuperate grazie al voto e all’impegno dei romani. Al termine delle votazioni per il Bilancio Partecipativo di Roma Capitale 2019, oggi, il progetto “Un orto urbano per quartiere: coltiviamo la città” è risultato il secondo più votato su 111 progetti che avevano superato il vaglio tecnico e una prima tornata di votazioni questa estate.

Finalmente gli orti urbani e i giardini condivisi di Roma, che già contano oltre 200 realtà, avranno una accelerazione. “
Si può fare”, il messaggio alla base del lavoro di Zappata Romana, associazione proponente il progetto secondo classificato, sembra essere stato accolto dai romani che hanno deciso di “fare” qualcosa per se stessi e per il resto della comunità recuperando, facendo manutenzione del verde e riqualificazione urbana.



Gli 
orti e giardini condivisi sono palestre di cittadinanza attiva, non sono solo luoghi per coltivare. In questi spazi coltivare è la scusa per fare altro: si promuove l’educazione ambientale con le scuole; si custodisce e diffonde la biodiversità; si integrano diversamente abili e migranti; si rafforza l’appartenenza al territorio e alla comunità; si trasformano le aree verdi abbandonate in luoghi di incontro; si rafforza la sicurezza e il presidio del territorio; si crea coesione sociale; si sperimenta modelli di coprogettazione; si costruiscono oasi di creatività, di recupero di antichi saperi e di produzione culturale; si consolidano reti alternative di produzione e commercio alimentare; si scoprono e recuperano beni comuni; si offrono occasioni di partecipazione e democrazia.

 “Auspichiamo che la realizzazione di 100 nuovi orti, uno per ogni quartiere della città, spinga Roma Capitale a ripensare la sua politica sugli orti urbani e i giardini condivisi assumendo un ruolo attivo” spiegano i proponenti della proposta votata dai romani. “Speriamo che avvenga a Roma quello che è avvenuto in tante altre città: l’amministrazione utilizzi gli orti e i giardini condivisi quale strumento di 
politiche pubbliche di contrasto al cambiamento climatico, di integrazione delle politiche sociali, ambientali e culturali, per costruire una Food Policy per la città di Roma”.

Il giardinaggio urbano, organizzato in maniera collettiva, presenta una elevata capacità innovativa dell’attivismo civico e della pianificazione urbana perché restituisce spazi di giustizia. 
Gli orti e giardini condivisi sono uno spazio politico. Si pianta una zucchina, si coltiva con mani comuni, si raccolgono relazioni e democrazia.