I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati Sporting Village, il presidente Pavia lascia la gestione del 3T di Roma dopo 10 anni di successi

FRASCATI - Il presidente del Frascati Sporting Village ha lasciato dopo ben dieci anni la gestione del 3T di Roma, uno dei tre poli sportivi della famiglia del club tuscolano assieme a quello di Frascati e al “Time Out” di Formello. Un centro molto importante situato nel quartiere capitolino di Tor Tre Teste da cui è partita la storia sportiva di Pavia, come ricorda il direttore sportivo del club Udo Paolantoni che da otto anni fa parte dello staff dirigenziale. “Il presidente ha fatto grandi sforzi per far crescere la struttura e ha ottenuto indiscutibili risultati nel mondo della pallanuoto (dove il club è arrivato anche ad avere una prima squadra nella A2 femminile e una nella B maschile, ndr), ma anche del nuoto e del salvamento.

Il 3T è diventato velocemente un vero e proprio punto di riferimento per i giovani del territorio appassionati di quelle discipline e ovviamente per le loro famiglie. Sono stati dieci anni fruttuosi anche grazie al lavoro di persone dello staff dirigenziale e tecnico come Luana Saltarelli, Andrea Casaburi e Rino Fabiano (con quest’ultimo che continuerà a far parte della famiglia sportiva del Frascati Sporting Village lavorando nel centro di Formello, ndr) e in generale di tutte le persone che hanno fattivamente partecipato alla crescita del 3T. In questo momento, riuscire a seguire con la medesima attenzione tre centri di questo livello è diventato praticamente impossibile e quindi il presidente ha deciso di dedicarsi a quelli di Frascati e di Formello”. Con “l’addio” al 3T, si chiude (al momento) anche l’avventura del club di Pavia nel mondo della pallanuoto: “Continueremo a lavorare sul nuoto, sul salvamento (che ad oggi vede il Frascati Sporting Village al decimo posto nella classifica italiana per società, ndr) e sul sincronizzato per ciò che concerne le discipline natatorie, oltre che sul tennis e sul padel – spiega Paolantoni – L’impegno della nostra società sarà ancora maggiore sui due centri che abbiamo in gestione: insomma il Frascati Sporting Village non lascia, ma ha voglia di continuare a crescere e ottenere nuove soddisfazioni nello sport agonistico”.

Commenti   

+1 #1 Silvia 2019-11-04 15:05
Ho passato la mia infanzia in questa struttura e insegnato nuoto e le mie nipoti ne usufruiscono ancora. Negli ultimi anni facevo parte della squadra Master di nuoto con ottimi risultati da parte di noi atleti alle gare UISP organizzate dalla grinta del ns istruttore (licenziato). Voglio esprimere tutta la mia disapprovazione sulla gestione e rapporto che la struttura ha avuto con gli iscritti alla palestra. È mancato il rispetto, una ditta adeguata di pulizia che puliva gli spogliatoi, palestre e aree comuni. Sistema di ventilazione inesistente e tra la piscina e il corridoio per recarsi negli spoiatoi c'erano 10 gradi di differenza causa di continui malesseri per noi atleti. Sulle pareti e sul soffitto cade polvere bianca della muffa e le continue "vernici anti muffa" non fanno miracoli anzi peggiorano la situazione. Sono convinta che presto rimanete carenti di clienti perché è quello che merita una gestione fatiscente.
Citazione