I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Sport, dopo 20 anni torna la sezione rugby all’Università di Roma Tor Vergata

ROMA (sport) - iniziativa curata dal Centro Sportivo Universitario di Roma Tor Vergata

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Dopo 20 anni il Centro Sportivo Universitario Tor Vergata torna ad avere una sezione dedicata al Rugby, che sarà guidata dal tecnico Gianluca Giglio. Un’iniziativa davvero di rilievo all’interno dell’ateneo che svolge la sua attività a cavallo fra Roma e il vasto territorio dei Castelli Romani.  

“L’idea è nata nell’ottica di aumentare le attività incluse nell’offerta sportiva per gli studenti – ha esordito Gianclaudio Romeo, referente della sezione Rugby e coordinatore delle sezioni sportive – Era un tassello che mancava. Il rugby è uno sport noto per la sua alta capacità aggregativa e declinare i sani valori dello sport al mondo universitario è doveroso. Sulla base di questo ragionamento, già dalla scorsa stagione, il presidente del CUS Manuel Onorati, il segretario generale Filippo Corti e il sottoscritto hanno lavorato per creare questo nuovo spazio di sport. Inoltre, in estate, in occasione delle Universiadi di Napoli, abbiamo assistito a partite di rugby a 7, disciplina peraltro olimpica, e toccato con mano la grande partecipazione di pubblico alle partite. Anche questo fattore ci ha motivato nella creazione di un’apposita sezione. Uno spazio ampio, in quanto non si tratta semplicemente di una squadra, ma di una vera e propria sezione che viaggerà su due binari paralleli: rugby a 7 e touch rugby – ha aggiunto il dirigente del CUS - Il rugby a 7 vedrà coinvolti atleti già impegnati in campionati federali, che saranno selezionati dal CUS per far parte della rappresentativa. Il touch rugby è una disciplina che ha delle peculiarità specifiche, differenti dal rugby tradizionale: non esiste innanzitutto contatto, si utilizza un pallone più piccolo ed è ideale per i neofiti e per coloro che vogliono fare semplicemente attività fisica o vogliono evitare contatti fisici”.

190830 lupa3 ilmamilio

Il referente della sezione rugby ha poi parlato di obiettivi: “Con il rugby a 7 intendiamo partecipare a campionati universitari prendendo parte anche a tornei nazionali – ha commentato Gianclaudio Romeo - L’obiettivo più ambizioso è prendere parte anche a tornei internazionali, come previsto peraltro anche dalle linee guida dell’ateneo volte ad un’internazionalizzazione dell’attività universitaria. Vogliamo far percepire al vasto territorio su cui operiamo e al mondo CUS che Tor Vergata è un’università che ha tanto da offrire ai propri studenti. Con il touch rugby vogliamo invece generare entusiasmo, sinergia e condivisione fra gli studenti e le sezioni già esistenti. Faremo allenamenti condivisi con altre società ma soprattutto metteremo a contatto con questa disciplina anche le altre sezioni del CUS. Ad esempio i giocatori di Calcio a 8 saranno chiamati a fare un allenamento di touch rugby, solo per fare un esempio!”.

“Siamo molto soddisfatti – ha concluso Gianclaudio Romeo – che questa novità stia già riscuotendo un buon successo. Diversi ex giocatori ma anche ex studenti si sono riavvicinati all’ateneo chiedendoci di poter far parte della neonata sezione, anche solo come supporto”.

Il touch rugby si allena tutti i mercoledì dalle ore 20 alle 21.30 al centro sportivo Roma VIII. Il rugby a 7 lavorerà su raduni. Il primo si terrà mercoledì 30 ottobre.

consorzio ro.ma