I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, Tomboletti scrive alla Pavani: "Apprezzo il tuo coraggio, amministrazione fallimentare"

Risultati immagini per tombolettiGROTTAFERRATA (attualità) - "Su Vergati la consigliera ha perfettamente ragione"

ilmamilio.it

Da Mauro Tomboletti riceviamo e pubblichiamo:

"Cara Veronica,

Ho letto con molto interesse, la tua nota inviata a questo giornale. Apprezzo il tuo coraggio e la tua determinazione, qualità molto difficili e rare da trovare in questo momento nella politica. Ti ringrazio per la tua lealtà al progetto che insieme a tanti altri, volevamo costruire e che ci è stato impedito di concretizzare.

consorzio ro.ma

Siamo stati ingannati, abbiamo lavorato per realizzare un sogno, ci siamo ritrovati in un incubo. Sono comprensibili i sentimenti che ci pervadono: delusione, rabbia, sconforto e accorgersi che tutto ciò che ci era stato prospettato, altro non era che un’immensa mistificazione. Forse siamo stati ingenui, ci hanno turlupinato perché la narrazione era un’altra, coinvolgimento, partecipazione, inclusione di tutti coloro che avessero interesse a un reale cambiamento. Forse era così per noi, ma non per loro, siamo stati usati, il risultato finale è che siamo responsabili di aver portato a governare il paese persone, totalmente inadeguate a governare il nostro paese.

Leggi anche: Grottaferrata, Veronica Pavani: "La tendenza antidemocratica di Andreotti è oltre i limiti"

La coalizione uscita vincente dalle elezioni è stata sin da subito destrutturata, dal sindaco, con il supporto decisivo e fattivo del suo vice, dando vita ad una diarchia che ha portato l’amministrazione, la struttura comunale e di conseguenza tutto il paese, al collasso politico e democratico. Hanno fatto del programma elettorale carta straccia, annichilendo tutti gli strumenti della democrazia partecipata. Sento il dovere di chiederti scusa, sia a te e a tutti quelli che ho coinvolto in questo fallimentare progetto, compresi i cittadini elettori. Hai perfettamente ragione, nel puntare l’indice contro il vice sindaco Luciano Vergati.

Doveva essere l’uomo dell’esperienza e della moderazione, l’esperto delle dinamiche politiche e amministrative locali, il formatore delle nuove generazioni, rivelandosi, invece, drammaticamente il peggior modello della vecchia e spregiudicata politica. Avrebbe dovuto sostenere e supportare positivamente quel fragile equilibrio di una coalizione molto eterogenea, è stato in realtà l’elemento di maggior destabilizzazione del quadro politico che si era strutturato in campagna elettorale.

consorzio ro.ma

Sull’inadeguatezza a ricoprire il ruolo di Assessore alla Cultura, credo sia meglio sorvolare e stendere un velo pietoso. E’ la storia che si ripete, come nel passato, quando, nell’anno del millenario dell’Abbazia, fu responsabile dei disastrosi risultati. Così com’è stata fallimentare tutta la gestione da vicesindaco, unicamente impegnato ad assecondare incondizionatamente tutte le assurde pretese dispotiche del Sindaco. Speravo che le intelligenze politiche, potessero valorizzare: l’entusiasmo, la competenza e la passione, che, sia tu e Mirko Di Bernardo potevate portare come valore aggiunto a quest’amministrazione, eravate portatori di una ventata di freschezza politica utile e necessaria, per un reale, concreto e autentico rinnovamento.

Mauro Tomboletti"

190830 lupa3 ilmamilio