I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Marino: promosso il programma rinnovato della Sagra dell’Uva


MARINO (attualità) - il vicesindaco con delega alla Cultura, Paola Tiberi, ha fatto un bilancio della 95esima edizione della Sagra dell'Uva

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

La 95^ edizione della Sagra dell’Uva è andata ben oltre le attese, grazie ad un programma decisamente più ricco e rinnovato rispetto agli anni passati. Massiccia la presenza, all’interno del cartellone, di iniziative culturali grazie la progetto “Carissimi JazzOltre” e grande spazio alla rivalutazione delle cantine storiche del territorio.

Vede il bicchiere mezzo pieno il vicesindaco con delega alle Politiche Culturali, Paola Tiberi, che insieme al sindaco Carlo Colizza e all’assessore alle Attività Produttive, Ada Santamaita, ha lavorato per un anno interno alla buona riuscita della 95^ edizione della Sagra dell’Uva.

“Ho assistito a concerti nelle piazzette in scenari pittoreschi. Per la prima volta ho messo piede nelle cantine storiche. Ho ascoltato i giovani avvicendarsi sui palchi, al di là del contest, ognuno fiero del proprio percorso. Oggi studiare musica è sempre più difficile, si perseguono altri fronti meno dispendiosi economicamente e meno faticosi – ha commentato Paola Tiberi - Ho personalmente sentito il maestro Negroni, è molto soddisfatto di come si sia svolto il concerto! È proprio l'idea di portare l' arte in strada e fra la gente che ci ha solleticato dall'inizio, in quanto in piazza anche un genere elitario diventa democratico, e se qualcuno si è voluto soffermare ad ascoltare mentre passeggiava e si godeva la Sagra, quella è stata una conquista! In questa Sagra dell’Uva – ha concluso il vicesindaco marinese - abbiamo voluto concentrarci sui giovani che studiano musica e che si cimentano in arti sceniche. Sicuramente fanno meno notizia di quelli che sono venuti a Marino per ubriacarsi e creare disordini, ma nonostante questo continuiamo a credere ed incentivare la cultura soprattutto fra i giovani”.

 

190830 lupa3 ilmamilio