I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Antrace Grottaferrata, la Asl Rm6: "Nessun nuovo caso, si va verso il ritorno alla normalità"

sigism mostardaGROTTAFERRATA (attualità) - Il direttore generale Narciso Mostarda conferma le buone notizie: "Nessun altro capo di bestiame infettato e nessun ulteriore caso su persone. Siamo ormai i dirittura d'arrivo: ottimo lavoro svolto dal personale del Dipartimento prevezione"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Si procede lungo la linea tracciata e ribadita nell'incontro pubblico dell'8 settembre scorso in Aula consiliare (LEGGI l'articolo): l'allerta antrace sta rientrando e nei prossimi giorni sarà possibile ritirare l'ordinanza con la quale, il 1 settembre, il sindaco Andreotti ha delimitato l'area infetta della Molara (LEGGI l'articolo del 1 settembre).

"Nom abbiamo novità da riferire - dice il direttore generale della Asl Rm6, Narciso Mostarda -, questo significa che tutto procede come auspicato". Dopo la morte dell'ultimo capo di bestiame ucciso dal carbonchio ematico bovino, il 25 agosto, non si sono dunque registrati nuovi casi: così come dopo il contagio della malattia che ha infettato un veterinario della stessa Asl Rm6 ed un allevatore, nei giorni scorsi, non si sono registrati altri contagi.

"Siamo in attesa che il Dipartimento di prevenzione della nostra azienda ci trasmetta i propri dati e le proprie considerazioni: siamo già oltre il tempo di 15 giorni dall'ultimo caso di morte accertato, ma in via cautelativa l'ordinanza resta ancora in vigore", aggiunge Mostarda.

Che poi aggiunge: "Sono in corso tutte le procedure previste in casi come questi: il fatto che non ci siano stati nuovi contagi ci fa credere che quanto fatto sia stato fatto bene e sia stato sufficiente per impedire l'epidemia. La pioggia di questi giorni, inoltre, ha ulteriormente favorito la sterilizzazione dei terreni: attendiamo che il rischio sia completamente azzerato per dichiarare finita l'allerta. Voglio ringraziare il personale del Dipartimento prevenzione che ha operato, anche in questa occasione, con grande professionalità e grande capacità. Ogni giorno che passa senza novità è una buona notizia".