I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, altro scossone. Si dimette pure l’assessore Rocci: "Col documento sottoposto ai consiglieri raggiunto un punto di non ritorno"

Risultati immagini per rocci mamilioGROTTAFERRATA (politica) - L'addio: "L’inganno è stato lo strumento messo in essere per irretire quanti in buona fede hanno partecipato alla costruzione del progetto”

ilmamilio.it

A pochi giorni dalle dimissioni dell’assessore al Bilancio Prisco, dopo il documento di maggioranza non firmato da due consiglieri e le dichiarazioni del presidente del Consiglio Passini, si abbatte una nuova tegola sulla Giunta Andreotti: l'assessore Francesca Rocci ha annunciato le sue dimissioni, che verranno protocollate lunedì mattina.

Ecco il comunicato della Rocci:

"Avendo avuto modo di conoscere i contenuti dell’ultima riunione di maggioranza, devo dire che sono molto amareggiata rispetto alle false accuse e alla scorretta informazione che è stata riportata circa l'operatività degli assessori.

banner sagra 2

Trovo altresì irrispettoso giudicare le persone in loro assenza al fine di evitare il contraddittorio in maniera alquanto scorretto ma soprattutto vile. Dopo due anni, difficili, alla luce di quanto sta accadendo, ho finalmente recuperato la mia saggezza e quell’ equilibrio che avevo smarrito. Mi chiedo quanto è valso il sacrificio di sopportare una situazione che ha inevitabilmente compromesso e destabilizzato quei valori che sono stati i pilastri portanti della mia esistenza, che sono l’etica e la moralità, dovendo ingoiare compromessi politici a dir poco ripugnanti.

LEGGI Grottaferrata - Il folle documento di Re Andreotti, la grottesca riunione e l'accordo con le ex "dure e pure"

Ho iniziato quest’avventura pensando di condividerla con persone che si ritrovassero sui principi di lealtà e onestà, attraverso rapporti sani e sinceri, ho sperato tanto, ma devo riconoscere che ormai la situazione è fin troppo degenerata non lasciando alcun margine di recupero. In questo difficile cammino ho incontrato però tanta gente e ho imparato che ascoltare, è una virtù che aiuta a conoscere meglio e a stare bene con gli altri.

Purtroppo in molte persone è mancata proprio questa capacità che io, anche per ragioni professionali, ho imparato a esercitare.

Credo sia giunto il momento di riappropriarmi della mia serenità riconquistando la fiducia in me stessa e la dignità che ho troppo spesso ignorato, mettendomi sempre in discussione. Dopo aver letto il documento sottoposto ai consiglieri di maggioranza, credo che sia stato raggiunto un punto di non ritorno. Mi rimane difficile, comprendere come alcuni consiglieri abbiano potuto sottoscrivere un documento, in cui il sindaco esige di rinunciare a quei principi sanciti dalla costituzione che non obbliga gli eletti a un vicolo di mandato.

Con un atto d’imperio, impedisce a chi è stato designato dagli elettori, il libero arbitrio. Questo è un fatto di una gravità inaudita, queste cose accadono nei regimi totalitari, pretendere il potere assoluto è roba di altri tempi. Tali segnali sono stati percepiti Immediatamente dopo le elezioni, manifestati sin da subito nella scarsa attenzione dimostrata verso quelle dinamiche indispensabili per governare un paese, che sono la partecipazione e la democrazia.

190830 lupa3 ilmamilio

L’inganno è stato lo strumento messo in essere per irretire quanti in buona fede hanno partecipato alla costruzione del progetto che ci aveva visto vincere le elezioni. Avevo concesso una linea di credito, nella speranza che le cose potessero migliorare in corso d’opera, ma sbagliavo. La mancanza di cultura politica, la scarsa attenzione al dialogo e al confronto, le difficoltà di comunicazione, l’incapacità di creare gruppo coeso, capace di azioni coordinate, sono elementi fondamentali che non hanno certo caratterizzato questa esperienza amministrativa.

Per tutte queste ragioni, ho provveduto ad anticipare al Sindaco e alla Segretaria comunale per email le mie dimissioni da assessore che protocollerò ufficialmente lunedì. Consapevole che tutte queste considerazioni saranno sicuramente pretestuosamente sconfessate, sono disposta in qualsiasi momento ad un confronto pubblico. #STATESERENI.

Rocci Francesca".

Leggi tutta la vicenda:

Grottaferrata, il documento della maggioranza che rinnova fiducia al sindaco. Garavini e Pavani non firmano

Grottaferrata - Il folle documento di Re Andreotti, la grottesca riunione e l'accordo con le ex "dure e pure"

Grottaferrata, Francesca Maria Passini: "Documento politico: chiesti approfondimenti, ma era atto interno"

Grottaferrata, Garavini: "Andreotti vuole farci firmare un documento farneticante"

Grottaferrata: l'ultimatum di Andreotti "sindaco assoluto". "O con me o contro di me"

 

consorzio ro.ma

 

Commenti   

0 #1 grottaferratamia 2019-10-06 00:25
scommesse clandestine hanno dato il via al "totocommissario"
Citazione