I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Marino, Tiberi: “Una Sagra dell’Uva all’insegna delle eccellenze marinesi come Giacomo Carissimi”

MARINO (eventi) - il vicesindaco con delega alle Politiche Culturali, Paola Tiberi, ha spiegato nel dettaglio il programma della Sagra dell'Uva

ilmamilio.it

Il vicesindaco Paola Tiberi in occasione della conferenza stampa di presentazione della 95^ Sagra dell’Uva ha snocciolato il programma culturale dell’evento clou dell’anno per Marino, in programma dal 4 al 7 ottobre.

“Permettetemi di rivolgere un pensiero a Daniela Fognani, giornalista recentemente scomparsa, molto legata a questo appuntamento e alla sagra in genere – ha esordito il vicesindaco - Lo scorso anno ci tenne ad esserci, nonostante non stesse bene, persona obiettiva e professionista sempre attenta. Le sue interviste e le sue osservazioni, sempre precise e puntuali, personalmente, mi mancheranno molto.

L’idea di questa edizione prende ispirazione da un cittadino marinese, il cui nome è conosciuto in tutto il mondo: Giacomo Carissimi. Carissimi nasce a Marino nel 1605, è figlio di un bottaio, una professione che all’epoca in un territorio come il nostro a vocazione vitinicola doveva essere redditizia. Il genio di Carissimi è noto in tutto il mondo ed è un veicolo di promozione per il nostro territorio che deve ripartire dalle sue eccellenze. Il genio di Carissimi riecheggia nelle chiese, nei teatri e nei conservatori e da venerdì 4 ottobre nelle piazzette storiche della Sua Marino, trasfigurandosi in un percorso musicale che dal Barocco approderà al Jazz, allietando cittadini ed ospiti, con artisti navigati ed emergenti, che si esibiranno in un vero e proprio contest musicale.  La giuria annovera grandi nomi tra cui spicca il Prof. Carlo Negroni, anch’egli di famiglia marinese, che ha ricevuto e continua a ricevere vivi apprezzamenti da parte dei critici, in Italia e all’estero.  I premi per i primi 3 gruppi selezionati  vogliono essere un incentivo allo studio della musica.

190830 lupa3 ilmamilio

Nella giornata del sabato 5 ottobre, impedibile la conferenza “Giacomo Carissimi, da Marino ed oltre” con interventi di Flavio Colusso – Luca Damiani – Carlo Negroni e Ugo Onorati presso la Sala Consiliare di Palazzo Colonna, dove si potrà ammirare l’Interessante allestimento “Omaggio a Giacomo Carissimi”, a cura dell’Ass.ne Arte e Costumi Marinesi.

Nella medesima giornata segnalo i laboratori teatrali, gratuiti, presso il Teatro di Villa Desideri, per ragazzi e adulti. Un’intera giornata di seminari e workshop che culminerà con lo spettacolo “La notte Favolosa” a cura dell’Ass.ne Artemista.

Ancora cultura con la storia della Sagra attraverso l’esposizione delle locandine storiche presso il Museo Mastroianni, curate da Alberto Canestri, dove sarà possibile visitare anche la mostra “armonie cromatiche” rassegna internazionale d’arte contemporanea a cura dell’Accademia Castrimeniense.

Non mancheranno, poi, gli appuntamenti della tradizione: la solenne processione della Madonna del Rosario; la rievocazione del ritorno di Marcantonio Colonna in costume rinascimentale, a cura delle Associazioni Arti e Costumi Marinasi, Lo storico Cantiere e Lo Scudo di Lepanto; il miracolo delle fontane monumentali con distribuzione dell’uva e del vino. 

Il concerto del lunedì vedrà la presenza di Red Canzian, un pezzo della storia della canzone italiana. Un nome che non necessita di presentazioni per la sua lunga carriera musicale con uno dei gruppi più amati del panorama musicale dagli anni 70 al 2015, i Pooh, che recentemente si sta prodigando nell’attività da solista in uno spettacolo che ripercorre i brani più apprezzati e conosciuti della musica italiana a 360 gradi

Ritengo doveroso ringraziare  tutti coloro che hanno collaborato alla buona realizzazione degli eventi in programma, in special modo le Associazioni, i Comitati di quartiere, le bande e tutti i cittadini che, a distanza di quasi un secolo, desiderano mantenere viva la tradizione”.

 

consorzio ro.ma