I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Albano, Nobilio-Carabella (FdI): 'Sui rifiuti il PD gioca a rimpiattino sulla pelle dei cittadini'

Albano Laziale (attualità) - Torna la polemica sulla vicenda
 
ilmamilio.it - nota stampa
 
Riceviamo e pubblichiamo:
 
"È un anno che si parla della possibilità del ritorno in funzione dell'impianto di TMB sito all'interno della discarica di Roncigliano, ma il Sindaco e il delegato ai rifiuti si nascondono dietro i tecnicismi trattando i cittadini di Albano con sufficienza. Allora proviamo a fare chiarezza. A seguito dell'incendio del TMB i nostri rifiuti sono stati portati ad una società di smaltimento di Padova: la Colle Verde Srl.
 
La Pontina Ambiente S.r.l., così ci riferisce il consigliere delegato ai rifiuti, cede in locazione a questa società il ramo d'azienda relativo al TMB. E cosa ci dovrebbe fare la Colle Verde con l’impianto TMB? Beneficienza?!!! Siamo perfettamente consapevoli che l’impianto può funzionare anche senza discarica, ma è anche vero che “questo” impianto TMB è inserito all’interno di una discarica. È chiaro che, anche se ancora non hanno tutte le autorizzazioni, l'obiettivo a breve termine sarà quello di rimettere in funzione l'impianto. Zingaretti cerca da tempo nuovi siti per lo smaltimento soprattutto per gestire l’immondizia romana che sta seppellendo la capitale, la Raggi deve risolvere l'emergenza rifiuti, l'azienda che ha acquistato dovrà legittimamente trarne profitto. E chi pagherà per tutto questo? Come diceva qualcuno: a pensar male si fa peccato ma quasi sempre ci si azzecca... Noi di Fratelli d'Italia diciamo che i cittadini di Albano rischiano nel 2020 di scontare a carissimo prezzo il frutto dell'inciucio PD-M5S! 
 
Lo abbiamo sostenuto tante volte e continueremo a ripeterlo: Albano e i Castelli Romani non saranno la discarica di Roma. I nostri concittadini stanno facendo grandi sacrifici per portare avanti la raccolta differenziata porta a porta al fine di averne vantaggi sia in termini ambientali che economici, hanno subito per decenni gli effetti nefasti della discarica con il rischio di realizzazione dell'inceneritore e oggi hanno anche  sulla testa anche la spada di damocle di una presunta isola ecologica nel centro città. Direi che è proprio arrivato il momento di dire BASTA! Fratelli d’Italia continuerà a vigilare e ad approfondire ogni aspetto relativo alla gestione futura dei rifiuti di Albano".

 

consorzio ro.ma 
  • 190830 lupa3 ilmamilio