I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, Remigio, Ariccia, la porchetta, Albano ed i Castelli romani finiscono su "The Guardian" - LEGGI

theGuardian frascati ilmamilioFRASCATI (attualità) - Le bellezze del nostro territorio apprezzate dal quotidiano britannico che pubblica sul web uno straordinario dossier culinario-culturale

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

“Cibo, vino e antichità a Frascati e i colli romani”, titola così l’articolo comparso oggi su The Guardian, prestigioso periodico d'oltre Manica, nel quale si parla dei Castelli Romani come via di fuga dall’afa della città di Roma.

LEGGI Food, wine and antiquity in Frascati and the Roman hills

190830 lupa3 ilmamilio

Il quotidiano britannico descrive protagonisti (volti molto noti della città tuscolana) e locali delle serate frascatane fatte di vino fresco e buon cibo e passa in rassegna le eccellenze anche di altri dei comuni castellani come Albano Laziale, Ariccia, Lanuvio, Marino e Castelgandolfo.

In apertura una bella vista della frascatana piazza San Rocco con i tavoli delle fraschette e dei ristoranti del posto disposti all'aperto per la bella stagione.

Storia, arte, cultura e convivialità fanno dei Castelli Romani un luogo unico al mondo, con un’atmosfera irripetibile, riconosciuto in tutto il mondo e l’articolo su The Guardian ne è la testimonianza.

Uno straordinario dossier culinario e culturale lungo ed articolato - ricco di foto tra le quali anche un paio di Valerio Ciaccia - che coinvolge molti dei locali tipici castellani, con una curiosa ed attenta dovizia dei particolari. E con diverse foto.

LA TRADUZIONE DELL'ARTICOLO DEL GUARDIAN

"“Facciamoci un aperitivo ", dice la nostra guida, Valerio,"ma prima dobbiamo fare acquisti". Nell'antico centro di Frascati, ci dirigiamo in una norcineria (macelleria di maiale) per una selezione di salumi, quindi una gastronomia per le olive e la panzanella (insalata di pane croccante con pomodori e un sacco di olio e aromi) e la panetteria per pane a lievitazione naturale. Ci sistemiamo con le nostre prelibatezze a un tavolo malandato fuori dall'Osteria dell'Olmo e ordiniamo una caraffa di bianco freddo. Il proprietario Remigio Sognatesori non batte ciglia, perché portare il proprio cibo è un'usanza consacrata dal tempo nelle fraschette (enoteche gestite dai produttori) dei Castelli Romani, 17 piccole città sulle colline vulcaniche a sud-est di Roma, di cui Frascati è il più vivace.

Remigio ci dice che almeno dal medioevo i viticoltori avrebbero appeso un ramo di alloro (frasca) quando il loro nuovo vino era pronto. La gente del posto e gli agricoltori di passaggio accorrevano in queste cantine per divertirsi e bere, prendendo i loro spuntini e stuzzichini per prendere il vino. E se quei stuzzichini fossero salati e piccanti - olive, salame e coppiette, le strisce a scatti di stinco di carne con un sacco di peperoncino che abbiamo portato - beh, che avrebbero portato a più brocche di vino, bevitori allegri e proprietari felici. "Era geniale", aggiunge Remigio. "Le persone li adoravano e offrivano ai produttori un mercato locale per il loro vino". Nel 1800, dice, c'erano solo più di 1.000 fraschette nella sola Frascati, e la loro fama si era diffusa nella grande città. In particolare dopo l'apertura della ferrovia da Roma nel 1856, fuggire per le strade calde e affollate per una serata in una cantina rurale divenne un'opzione interessante per gli abitanti delle città, come è ancora. Oggi, anche la maggior parte delle fraschette fa il cibo, ma sono ancora legate al vino e alle specialità locali.

[...] Albano, sulla via Appia, ha una porta militare del II secolo, enormi cisterne d'acqua romane e un anfiteatro ben conservato la cui acustica proviamo con applausi e urla. Nel più piccolo Lanuvio, un tempio di Giunone del VII secolo a.C. condivide una verde collina con un parco per cani e un parco giochi per bambini, e la fontana nella sua piazza, tra macellaio e chimico, è un sarcofago romano del II secolo riccamente intagliato, riproposto da abitanti del villaggio generazioni fa. Prima che gli stanchi operai della città iniziassero a venire qui a bere, queste ariose colline erano un buco per i nobili romani, incluso Cicerone.

Nel Rinascimento, le famiglie benestanti hanno speso fortune per migliorare le loro ville estive, e molte di queste sono ora aperte al pubblico, offrendo un occhio al cospicuo consumo del XVI secolo. Le stanze del Palazzo Chigi, ad esempio, hanno una "carta da parati" in pelle riccamente decorata, che può essere vista in scene di banchetti del Gattopardo di LuchinoVisconti, girate qui. Dubito che questa sia stata una grande consolazione nel 17 ° secolo per le 10 figlie di Agostino Chigi, banchiere e ministro delle finanze del papa, che furono tutte fatte diventare suore. [...]

consorzio ro.ma

La maggior parte dei mercati italiani ha un furgone che vende questo arrosto di maiale farcito disossato, ma Ariccia (raggiungibile a piedi dalla stazione di Albano) è la porchetta centrale. Le fraschette in via Borgo San Rocco hanno tutte fragranti maialini fatti in casa all'esterno.

A Sora Ines (n. 19) un antipasto di € 14 include porchetta con scoppiettante crosta marrone brillante, prosciutto, mozzarella, melone, funghi, melanzane arrostite e altro ancora. Facciamo del nostro meglio con quello, quindi trasciniamo le nostre pance su per la collina fino a un'estensione del quartiere della fraschetta di Ariccia, in file di ex cantine che fiancheggiano il palazzo. Uno, l'Osteria di Corte, ha una speciale fama di fama: la pasta cacio e pepe del giovane chef Marco Liberti è arrivata in vetta quest'anno nello show televisivo 4 Ristoranti.

LEGGI 4ristoranti, Marco Liberti (Osteria di Corte di Ariccia): "Però i più bravi siamo noi"

radio roma capitale ilmamilio

È un po 'come vincere MasterChef, e il piatto non delude: il formaggio cremoso di pecora ricopre gli spaghetti grassi, con un pizzico di pepe nero.Diamo un'occhiata anche a una fraschetta chiamata Hosteria la Fraschetta nel ritiro papale di Castel Gandolfo, quindi ci dirigiamo verso il villaggio di Marino - la cui fontana scorre con il vino durante il festival. Qui assaggiamo i deliziosi bianchi paglierini di Marco Fabi in un museo del vino che ha allestito in una cantina in disuso. E ovviamente anche lui ha una fraschetta: Fòr de Porta nel centro del paese ha tutti i preferiti, oltre a una gustosa selezione vegana: tartufi, purea di fagioli, finocchio, funghi selvatici e coltivati ​​in grotta e altro ancora.

Queste colline boscose nascondono due profondi laghi verde-blu e molti sentieri panoramici. Il lago più grande, Albano, ha spiagge su un lato, con kayak e campi di paddle, ma meglio provare i percorsi ciclabili / pedonali nel suo est selvaggio, o fare escursioni a Monte Cavo a quasi 1.000 metri.

Perché è difficile sfruttare al meglio queste colline romane a meno che tu non abbia avuto un appetito molto, molto grande".

The Guardian

Insomma, nei giorni scorsi era toccato al Castello di Santa Severa finire sul prestigioso periodico statunitense "The Times": stavolta l'onore di attraversare il mare in direzione di un Paese anglosassone spetta a Frascati ed ai Castelli romani.

sfaccedati190910 ilmamilio