I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino, identificato il suicida alla stazione: un 69enne agli arresti domiciliari. Ferrovia riaperta

  • CIAMPINO (cronaca) - Proseguono le indagini
     
    ilmamilio.it
     
    E' un uomo di 69 anni, residente da anni a Ciampino, l'uomo che stamattina si è tolto la vita gettandosi sotto al treno Velletri-Roma delle 11.40 alla stazione ferroviaria di Ciampino. Le indagini e i rilievi sono stati curati dalla polizia ferroviaria di stanza in città, sul posto anche la polizia locale e i carabinieri della locale tenenza.
     
    Il fatto è avvenuto davanti a decine di pendolari che affollavano come ogni giorno lo scalo ferroviario tra i più importanti della provincia di Roma. La linea ferroviaria è stata riaperta alle 14, dopo la rimozione del cadavere da parte dell'agenzia mortuaria San Giuseppe di Marino, che ha trasportato il corpo all'istituto di medicina legale di Tor Vergata per l'autopsia disposta dalla procura di Velletri.
     
    L'uomo, originario di Roma, stava scontando una pena giudiziaria agli arresti domiciliari nella sua residenza attuale, in una palazzina del centro, quando in mattinata si è recato alla stazione dei treni per farla finita. In molti nella palazzina residenziale, dove abitava e scontava i domiciliari, lo ricordano come una persona riservata e che non aveva mai dato problemi. " Vedevamo spesso arrivare la polizia e i carabinieri per i controlli al nostro vicino di casa - dice un inquilino - ma non ha mai dato nessun tipo di problema ". 
     
    Le indagini della polfer continuano nel più assoluto riserbo per accertare tutti i fatti.
     
    Leggi anche:
     
     
     
    consorzio ro.ma