I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

METEO – L’estate perde i colpi. Weekend a tratti instabile con ROVESCI o TEMPORALI alternati a SCHIARITE

FRASCATI (meteo) - L'estate mostra chiari segni di chiusura

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Il passaggio di una blanda perturbazione legata al flusso perturbato Atlantico, favorirà instabilità diurna alternata a schiarite sulla nostra Penisola, specie sulle regioni centro-settentrionali. Nel corso del weekend si rinnoveranno rovesci o temporali che colpiranno, a “macchia di leopardo”, il comparto romano ed Albano. Le temperature subiranno una decisa diminuzione specie nei valori minimi rientrando nella media del periodo.

Previsioni meteo weekend 6-8 settembre sui Castelli e sul territorio romano. La giornata di venerdì 6 settembre si aprirà con cieli nuvolosi o irregolarmente nuvolosi con possibilità di qualche locale rovescio sul romano e sui Castelli. Tra la tarda mattinata e il pomeriggio i rovesci a carattere temporalesco si concentreranno specie nei settori dell’entroterra romano ed albano alternati a schiarite. Migliora in serata. Nella giornata di sabato 7 settembre cieli irregolarmente nuvolosi con schiarite alternati a brevi rovesci sul romano. Qualche rovescio o temporale nel corso della giornata si concentrerà maggiormente sui settori interni appenninici. Domenica 8 settembre spiccata variabilità con rischio in giornata di rovesci o temporali sparsi sul comparto romano e dei Castelli con schiarite. Temperature in discesa specie nei valori minimi, mentre le massime non andranno oltre i +26/28°C. Venti deboli o moderati occidentali con locali rinforzi lungo i settori costieri.

sagra porchetta ilmamilio 

Possibile intenso peggioramento per la nuova settimana?

Nella nuova settimana l’espansione meridiana dell’alta pressione delle Azzorre verso il Nord-Atlantico determinerà la discesa di correnti fresche che andrebbero a favorire l’isolamento di una circolazione ciclonica sul Mediterraneo centrale. Attualmente visto la distanza temporale solo nei prossimi aggiornamenti dei modelli fisico-matematici si avrà una migliore visione di questa configurazione, così da poter inquadrare e calcolare meglio il possibile peggioramento sull’Italia.

190830 lupa3 ilmamilio

Fatto sta che questo tipo di dinamica benchè subdola rafforzata dalle temperature dei nostri mari che in questo periodo sono le più alte di tutto l’anno, è una “bomba ad orologeria” per la formazione di intensi e violenti temporali accompagnati da nubifragi e colpi di vento. Né parleremo nel prossimo aggiornamento.

Gianluca Caucci, meteorologo

 consorzio ro.ma