Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Marino, imbrattato un pezzo del basolato dell’Appia Antica a Santa Maria. Denuncia di Legambiente

MARINO (attualità) - Legambiente Appia Sud “il Riccio”: “Ora basta!! Abbiamo già avvisato il Parco Archeologico Appia Antica di questo ennesimo atto vandalico. Chi si rende protagonista di questi ignobili atti forse non sa che la pulizia del basolato sarà effettuata a spese della collettività, quindi anche con i suoi soldi.” “Il chiaro riferimento al nazismo ci ripugna. Reagiremo allargando ancora di più la fruibilità dell’area.”

ilmamilio.it

“Una svastica e due dadi disegnati con vernice spray nera su due pezzi del basolato, dopo il ponte della ferrovia verso Roma. Due chiari riferimenti al nazismo. Un atto ignobile che condanniamo con fermezza.” Così il circolo Legambiente Appia Sud – Il Riccio commenta l’ennesimo atto vandalico sull’area archeologica del tratto della via Appia Antica curato dai volontari dell’associazione.

“Il riferimento all’estrema destra è chiaro – sottolinea il circolo di Legambiente in una nota – e a questo rispondiamo con fermezza che mai abbasseremo la guardia o ci piegheremo alla nera barbarie dell’ignoranza, becera e violenta. Anzi, il nostro lavoro prosegue con ancor più forza per rendere l’area sempre più aperta alla società civile, alle scuole, alla cultura in genere. Sappiano poi, gli autori di questo gesto vergognoso - conclude il circolo Legambiente Appia Sud Il Riccio –, che per ripristinare lo stato del basolato ora dovranno intervenire professionisti e tecnici della Soprintendenza che saranno pagati da noi tutti, compresi loro stessi, con soldi pubblici. Si vergognino. Il danno è alla collettività, a tutti noi.”

 sagra porchetta ilmamilio

190830 lupa3 ilmamilio