I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

METEO – Bilancio e analisi dei temporali sui Castelli di domenica 25 e lunedì 26 agosto e la loro difficile previsione

FRASCATI (meteo) - Anche i Castelli sferzati dalla violenta ondata di maltempo

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Nel corso della giornata di domenica 25 agosto una possente cella temporalesca ha provocato nubifragi sui settori nord-occidentali dei Castelli romani con notevoli disagi per il quantitativo elevato di pioggia caduto in poco tempo.

Il passaggio di una “goccia fredda” (non una vera e propria goccia, da come si potrebbe pensare, ma con questo termine si indica una sacca d’aria fredda in quota) sull’Italia centro-settentrionale, ha favorito unitamente ad una convergenza dei venti al suolo lo sviluppo, specie a ridosso dei rilievi montuosi, di instabilità pomeridiana legata a rovesci e temporali di forte intensità. Durante il periodo estivo sono questi le dinamiche atmosferiche che innescano le celle temporalesche intense e violente provocando talvolta grandinate, nubifragi e colpi di vento.

LEGGI Violento temporale sui Castelli Romani: disagi e allagamenti

sfaccendati190826jpg

Si possono prevedere con certezza questi fenomeni estremi e molto localizzati? La risposta è ovviamente no. Nel procedere con una previsione di questi fenomeni un meteorologo può dare in linea di massima dando una possibilità che si manifestino su una determinata area e non darà mai informazione dettagliate sulla loro intensità, tempistica e localizzazione. Soltanto in prossimità dell’evento in fase di nowcasting (ovvero facendo una previsione a brevissima scadenza), potrà fornire maggiori dettagli sulla formazione e sulla possibile dinamica del temporale.

sagra porchetta ilmamilio

Ingenti accumuli pluviometrici registrati da alcune stazioni meteorologiche dei Castelli romani. Dai dati forniti dalla stazione di rete meteonetwork, le località maggiormente colpite sono state le zone nord-occidentali dei Castelli tra Marino e Ciampino lì dove si sono avuti i maggiori disagi. Tra le 13:30 e le 15:30 di domenica 25 agosto un violento nubifragio è stato capace di scaricare ben 62-63mm tra Marino e Santa Maria delle Mole con un rain rate (ovvero l’intensità e la velocità delle precipitazioni stimata in millimetri/ora) sino a 101 millimetri/orari!

banner canarini 190824Questo spiega gli innumerevoli disagi e allagamenti che ha causato il sistema temporalesco con diverse fulminazioni, generando blackout momentanei. Analogamente, nella giornata di lunedì 26 agosto un nuovo sistema temporalesco in modo ancor più localizzato ha colpito i settori settentrionali del bacino albano. La città di Marino nuovamente a farne le spese maggiori con 46 mm di accumulo registrati dalla stazione della rete meteonetwork seguita dalla stazione meteo del comune di Grottaferrata con 32 mm (fonte rete meteo wunderground). Qualche allagamento e disagio a causa delle caditoie e tombini ostruiti dalla sporcizia e dalle foglie. Per evidenziare la localizzazione spaziale del sistema temporalesco spostandoci verso i comuni orientali accumuli irrisori di circa 1-3 mm.

Tempo in miglioramento nei prossimi giorni. Tra martedì 27 e mercoledì 28 agosto tempo stabile e soleggiato con temporali relegati alle zone interne appenniniche. Instabilità che si rinnoverà a partire da giovedì 29 agosto e per l’intero fine settimana. Ne riparleremo nel prossimo aggiornamento.

Gianluca Caucci, meteorologo

consorzio ro.ma