I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Consultazioni governo, Salvini: “Elezioni strada maestra”. Di Maio elenca dieci priorità. Alle 20 le comunicazioni di Mattarella

Risultati immagini per mattarellaAscoltati tutti i gruppi parlamentari, ora la parola passa a Mattarella

ilmamilio.it

Sono entrate nel vivo le consultazioni del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Al Quirinale sono salite le delegazioni della Lega e del M5S.

Prima dei pentastellati al Colle è salita la Lega, guidata da Matteo Salvini.  "Un "accordo contro", tra Pd e M5S, è la vecchia politica - ha detto - io non penso che l'Italia abbia bisogno di un "governo contro". Se poi qualcuno mi dice "ragioniamo perché i "no" diventano "si", miglioriamo la squadra, diamoci un obiettivo, facciamo qualcosa "non contro" ma "per". "Ho scoperto che tanti no, si sarebbero trasformati in si. Ci sono alcuni 5s che appoggerebbero una manovra coraggiosa: ho scoperto che ci sarebbero alcuni disponibili. Aver scoperchiato il vaso è stato utile per capire. Ma malgrado gli insulti, vado avanti". Il leader leghista ha comunque sottolineato come siano le elezioni la strada maestra.

sagra porchetta ilmamilio

"Non lasciamo la nave affondare, perché l'Italia siamo tutti, a dispetto degli interessi di parte", ha detto Di Maio. "Sono state avviate tutte le interlocuzioni per avere una maggioranza solida che voglia convergere sui punti indicati. Noi non lasciamo affondare la nave, che a pagare siano gli italiani. I cittadini che ci hanno votato il 4 marzo, l'hanno fatto per cambiare l'Italia non il Movimento e penso anche che il coraggio non è di chi scappa ma chi prova fino in fondo a cambiare le cose, anche sbagliando con sacrificio e provando a fare le cose. Il voto - ha sottolineato i - non ci intimorisce affatto ma il voto non può essere la fuga dalle promesse fatte dagli italiani. Abbiamo tante cose da fare".

 "Abbiamo informato il capo dello Stato di quelli che secondo noi sono obiettivi prioritari per gli italiani, dieci impegni che secondo noi devono essere portati a compimenti", ha continuato, elencando dieci obiettivi prioritari per il Paese: taglio dei parlamentari al primo posto, e poi anche la legge sul conflitto di interessi, la riforma della Rai, un green new deal, un rilancio del Sud, la riforma del sistema bancario, la tutela dei beni comuni a partire da acqua e sanità

Mattarella è atteso per le comunicazioni e le sue valutazioni per le ore 20.

Leggi anche: 

Consultazioni governo: i pareri di PD, FI e Fratelli d’Italia. Zingaretti boccia ‘Conte bis’. Nel pomeriggio Lega e M5S