I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monte Porzio, lotta a chi sporca il territorio. Pulcini: “Ripristinate le telecamere”. Prime sanzioni

MONTE PORZIO (attualità) – Il sindaco: “Quando sono arrivato ne funzionavano 4..”

ilmamilio.it

“Monte Porzio Catone non è più la terra di nessuno”. Esordisce così Massimo Pulcini, sindaco della città, che ha rivendicato il lavoro svolto questa estate contro chi sporca il territorio e scarica illecitamente rifiuti. Individuati e sanzionati alcuni autori dei reati.

“Le telecamere ora funzionano – afferma Pulcini - ne avevo trovate 4, adesso ne funzionano 40. Una delle finalità e' quella di contribuire al controllo del territorio, iniziamo a fare sul serio. La differenziata non sarà una battaglia di civiltà come si usava dire all'esordio di questo percorso virtuoso a Monte Porzio Catone, che fu uno dei primissimi comuni della Regione Lazio a fare la differenziata ed uno dei primissimi ad estenderla su tutto il territorio. La differenziata sarà la mia ossessione perché siamo uno dei paesi che arranca intorno al 40%. Purtroppo è così, ho trovato un paese con la differenziata al 37% l'obiettivo è raddoppiare”.

“Di concerto con ufficio tecnico e ditta – spiega Pulcini - monitoriamo una situazione delicata sul quale non si può abbassare la guardia. Ci sono operatori da motivare (aver cambiato 3 aziende che erogano il servizio in 18 mesi ha portato diversi cambiamenti), cittadini da rieducare, ditte da controllare (ho trovato anche chi non pagava la tassa oltre che differenziava male). Ho sollecitato più volte i cittadini a fare segnalazioni. Implementerò i punti da videosorvegliare. Ma attenzione: la giunta Pulcini può avere gli "occhi" in molti punti sensibili del territorio comunale, ma non sarà mai ovunque, resto convinto che il vero successo sull'ambiente passa per una presa di coscienza collettiva. Sentire Monte Porzio la propria casa, restare vigili ed indignati quando si trovano deiezioni canine non raccolte, denunciare e perseverare nella segnalazione sono passaggi e sentimenti fondamentali per il successo di un operazione vasta e ad ampio raggio”.

La riapertura dell'isola ecologica il 2 luglio è stato un passaggio importante. “Al centro storico comunque – ribadisce Pulcini - il porta a porta fra poco verrà meno sostituito dal già previsto inserimento di "mini isole/punti di raccolta" dove sarà possibile conferire tutte le tipologie di rifiuto con un badge personalizzato. Presto, a tal proposito, inizierà una campagna di sensibilizzazione. Provvederò alla formazione di ispettori ambientali, cittadini volontari che assicureranno sostegno e controllo nell'opera di differenziazione del rifiuto. Se insieme tutti faremo la nostra parte sono certo che la differenziata raddoppierà entro la fine del mio mandato. Monte Porzio Catone sarà di nuovo uno dei primi paesi nelle politiche ambientali. Oltre ad essere un paese più sicuro e non abbandonato a se stesso come l'ho trovato”.