I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati: il sindaco Mastrosanti studia l'azzeramento della Giunta per un Esecutivo di salute pubblica

mastrosanti roberto14 frascati ilmamilioFRASCATI (politica) - Il primo cittadino cercherebbe alleati tra i banchi della minoranza per tenere ancora al governo

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Il siluramento dell'assessora Emanuela Bruni per far spazio agli appetiti politici di "Rinnovamento civico" (certamente legittimi, al di là della possibile strumentalizzazione dell'azione prodotta da Magliocchetti e D'Ambrosio ed i loro "mandanti" politici extraconsiliari) non dovrebbe essere l'unica mossa d'agosto del sindaco Roberto Mastrosanti.

LEGGI Frascati, Mastrosanti pronto al minirimpasto di Giunta: Bruni ai saluti, Nicolodi sostituta? Ma potrebbe non bastare...

Il sindaco Mastrosanti starebbe pensando ad un azzeramento vero e proprio con rimpasto delle deleghe assessorili per ampliare la piattaforma della sua maggioranza. Fino a chi? La domanda è simpatica e divertente perché qui è da capire chi degli attuali consiglieri di minoranza sarebbe disposto ad appoggiare un "governo cittadino di salute pubblica" per tirare a campare ed evitare un commissariamento che il sindaco stesso teme possa essere vicino.

Ma, Bruni pro Nicolodi (o altre, brividi) a parte, chi altro rischia di lasciare la squadra del sindaco?

Domanda divertente, ma non troppo, per i diretti interessati. Rischiano potenzialmente tutti ma anche no, perché Alessia De Carli e Gelindo Forlini (si, Forlini) sembrano intoccabili: meno lo sono gli altri due, in particolare Claudio Marziale, spesso assente dalle sedute di Giunta e tra i meno presenti tra i firmatari della delibere approvate dall'Esecutivo. Traballa anche il delegato al Bilancio, inutile dire perché.

consorzio ro.ma

E insomma il sindaco sta cercando alleati tra i banchi della minoranza adducendo, a quanto pare, ragioni di salute pubblica. Un governicchio di nuovo stampo per raggiungere chissà quali risultati oltre a quelli (ma quali?) già inanellati in questi primi due anni di Amministrazione.

In attesa di ispirazione e di fresco, il sindaco medita cambiamenti sostanziosi. E tra pochi giorni cadono anniversari importanti che sarà bene celebrare a dovere.