I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Casa e giardino invasi dalle zanzare, probabilmente le state allevando inconsapevolmente – CONSIGLI UTILI

ATTUALITÀ- le indicazioni utili di A.N.I.D. - Associazione Nazionale delle Imprese di Disinfestazione, presieduta dall'imprenditore Marco Benedetti

ilmamilio.it

Come ogni anno, a tormentare la quiete estiva di tanti italiani sono le zanzare presenti in gran quantità nei giardini privati e nelle case. Per questa ragione A.N.I.D. – Associazione Nazionale delle Imprese di Disinfestazione, presieduta dall’imprenditore Marco Benedetti, ha lanciato la campagna “Estate senza zanzare: lasciamole a secco!”.

Chiaro e davvero utile il messaggio lanciato da A.N.I.D., che di seguito riportiamo integralmente.

“Vi sarete stufati di ascoltare sempre i soliti consigli per evitare la presenza di zanzare dentro casa! Un dato è certo: se ne riscontrate la presenza, c’è qualcosa che non va e probabilmente dipende proprio da Voi e dalle Vostre abitudini! Il raggio d’azione di una zanzara tigre è compreso fra i 150 e i 200 metri rispetto a dove è venuta alla luce. Il suo luogo originario, in natura, è la foresta pluviale. Essa deposita le uova in tutti quei luoghi che consentono il ristagno d’acqua. Nei periodi di maggiore sviluppo, il loro ciclo biologico si svolge in meno di una settimana! Da tutti questi elementi deduciamo che, se si riscontra un’alta presenza di questi esemplari a casa propria, probabilmente li si sta allevando senza saperlo. Ricordiamo che per garantire la riproduzione di una zanzara tigre è sufficiente un cucchiaio da minestra colmo di acqua o meno di mezzo bicchiere d’acqua, senza considerare la loro grandissima capacità di adattarsi al nostro habitat. Non vogliamo tediarvi con i soliti consigli, rintracciabili dappertutto. Intendiamo fornirvi spunti particolari. 

sagra porchetta ilmamilio
Nelle case spesso troviamo piante coltivate in idrocoltura, la più comune è la Pothos. Può trasformarsi in un focolaio di zanzare. 
In quante abitazioni c’è un secondo WC che viene utilizzato meno frequentemente!? In tantissime. Lo sciacquone può diventare un luogo ove proliferano le zanzare. 
Badare ad un eventuale serbatoio gas/gpl interrato in giardino, che si riempie d’acqua in caso di pioggia o irrigazione. 
Quante volte abbiamo lasciato in giardino i giocattoli dei nostri figli, durante le ferie!? Spessissimo. Durante l’assenza, l’impianto di irrigazione si attiva quotidianamente e i giocattoli parcheggiati nel prato possono diventare luogo ove ristagna l’acqua e quindi essere un focolaio. 
I consigli sono utili per eliminare tutti i possibili ristagni d’acqua. Laddove non è possibile trattarli con larvicidi”.


consorzio ro.ma

 

 

Commenti   

0 #1 Patrizia Falchi 2019-08-16 14:28
Perché a Frascati Cocciano sono state fatte le disinfestazioni e in periferia no? Perché il Comune non si impegna a fare pulire i terreni lasciati incolti? C'è un motivo per cui l'amministrazione non eleva multe e non controlla i territori di estrema periferia? Però si prodiga per alienare i terreni periferici al comune di Roma?
Citazione